News e Comunicazioni

Nel 2002 l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) lanciò la Giornata Mondiale Contro il Lavoro Minorile per riflettere insieme a governi, organizzazioni internazionali, datori di lavoro e società civile sull’estensione globale del lavoro minorile e su ciò che i paesi dovrebbero fare per eliminare tale piaga sociale. In tutto il mondo, milioni di bambini sono impiegati in lavori retribuiti e non e sono a costante rischio di sfruttamento. Queste storie sono spesso nascoste allo sguardo del pubblico generico, ma sono fin troppo comuni. Il tema del 2014 invoca azioni concrete per introdurre, migliorare ed estendere le misure di protezione sociale in linea con la Raccomandazione n. 202 dell’ILO sui diritti sociali essenziali (“social protection floor”–).

Secondo il report 2013 dell’ILO sul lavoro minorile nel mondo, il numero dei minori impiegati è diminuito di un terzo rispetto al 2000, da circa 246milioni a 168milioni. Però per quanto siano numeri importanti, entro il 2016 non si riuscirà a raggiungere il target della comunità internazionale di eliminare ogni forma di lavoro infantile. Una chiave per accelerare il passo del progresso è l’intensificazione delle misure di protezione sociale di bambini e famiglie, in modo che abbiano pari opportunità per vivere serenamente e produttivamente.

I dati più recenti sul lavoro minorile in Kenya risalgono al 2012, ma sono comunque indicativi per avere un’idea dell’entità della problematica: circa il 32% (2.9 milioni) dei bambini kenyoti tra i 5 e i 14 anni sono impiegati in attività lavorative informali sia nelle aree rurali (piantagioni di tè, caffè, riso, tabacco,) sia nelle aree urbane (rovistare nelle discariche, raccogliere materiali di riciclo, venditori ambulanti). Indubbiamente, le principali cause del lavoro minorile sono la povertà estrema e la mancanza di opportunità scolastiche.

ILOUS DOL

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Nel 2002 l\u2019Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO<\/b>) lanci\u00f2 la Giornata Mondiale Contro il Lavoro Minorile <\/b>per riflettere insieme a governi, organizzazioni internazionali, datori di lavoro e societ\u00e0 civile sull’estensione globale del lavoro minorile e su ci\u00f2 che i paesi dovrebbero fare per eliminare tale piaga sociale. In tutto il mondo, milioni di bambini sono impiegati in lavori retribuiti e non e sono a costante rischio di sfruttamento. Queste storie sono spesso nascoste allo sguardo del pubblico generico, ma sono fin troppo comuni. Il tema del 2014 invoca azioni concrete per introdurre, migliorare ed estendere le misure di protezione sociale<\/b> in linea con la Raccomandazione n. 202 dell\u2019ILO sui diritti sociali essenziali (\u201csocial protection floor<\/i>\u201d\u2013).<\/span>
<\/p>

Secondo il report 2013<\/b> dell\u2019ILO sul lavoro minorile nel mondo, il numero dei minori impiegati \u00e8 diminuito di un terzo rispetto al 2000, da circa 246milioni a 168milioni. Per\u00f2 per quanto siano numeri importanti, entro il 2016<\/b> non si riuscir\u00e0 a raggiungere il target della comunit\u00e0 internazionale di eliminare ogni forma di lavoro infantile. Una chiave per accelerare il passo del progresso \u00e8 l\u2019intensificazione delle misure di protezione sociale di bambini e famiglie, in modo che abbiano pari opportunit\u00e0 per vivere serenamente e produttivamente.<\/p>

I dati pi\u00f9 recenti sul lavoro minorile in Kenya<\/b> risalgono al 2012, ma sono comunque indicativi per avere un\u2019idea dell\u2019entit\u00e0 della problematica: circa il 32% (2.9 milioni) dei bambini<\/b> kenyoti tra i 5 e i 14 anni sono impiegati in attivit\u00e0 lavorative informali sia nelle aree rurali (piantagioni di t\u00e8, caff\u00e8, riso, tabacco,) sia nelle aree urbane (rovistare nelle discariche, raccogliere materiali di riciclo, venditori ambulanti). Indubbiamente, le principali cause del lavoro minorile sono la povert\u00e0 estrema e la mancanza di opportunit\u00e0 scolastiche.<\/p>

ILO<\/a>, US DOL<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua