News e Comunicazioni

Ufficialmente, il mondo ha raggiunto iI goal del Millennio riguardante l’acqua già nel 2010, ma in realtà ci sono ancora 45 paesi che non riusciranno a raggiungerlo entro la deadline del 2015.  La maggior parte di essi si trova in Africa Subshariana e dovrebbero aumentare del 26% l’accesso all’acqua potabile in meno di un anno.

L’NGO internazionale WaterAid, nel 2014 ha pubblicato uno studio sui servizi igienico-sanintari in Africa meridionale, nel quale accusa i governi della regione di non fare abbastanza per adempire ai loro doveri nei confronti della società e di non aver aumentato le spese pubbliche per i servizi di base, lasciando quindi gli strati sociali più poveri a farne le spese. Si è stimato che circa 174milioni di persone nella regione non hanno accesso a latrine, mentre 100milioni  non hanno accesso ad acqua potabile, portando a conseguenze molto serie per quanto riguarda la salute e il tasso di mortalità.

Tale lento progresso è da imputare alle decisioni negligenti dei governi che stabiliscono che tali questioni dovevano essere affrontate privatamente dalle singole famiglie. Inoltre, nei rari casi di disponibilità economiche, sono state discriminate le aree rurali a favore di quelle urbane.

Questo tipo di discriminazione vige anche in Kenya, dove le aree urbane godono di migliori accessi all’acqua e alla rete fognaria. Nonostante ciò, estreme disparità si verificano anche all’interno dei medesimi centri urbani. Infatti, coloro che vivono nelle baraccopoli o in insediamenti illegali/informali hanno minor accesso ad acqua potabile o servizi igienici pubblici.

The GuardianWater Supply and Sanitation info

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Ufficialmente, il mondo ha raggiunto iI goal del Millennio riguardante l\u2019acqua<\/b> gi\u00e0 nel 2010, ma in realt\u00e0 ci sono ancora 45 paesi che non riusciranno a raggiungerlo entro la deadline del 2015.  La maggior parte di essi si trova in Africa Subshariana<\/b> e dovrebbero aumentare del 26% l\u2019accesso all’acqua potabile in meno di un anno.<\/span>
<\/p>

L\u2019NGO internazionale WaterAid<\/b>, nel 2014 ha pubblicato uno studio sui servizi igienico-sanintari in Africa meridionale, nel quale accusa i governi della regione di non fare abbastanza per adempire ai loro doveri nei confronti della societ\u00e0 e di non aver aumentato le spese pubbliche per i servizi di base, lasciando quindi gli strati sociali pi\u00f9 poveri a farne le spese. Si \u00e8 stimato che circa 174milioni di persone nella regione non hanno accesso a latrine, mentre 100milioni  non hanno accesso ad acqua potabile, portando a conseguenze molto serie per quanto riguarda la salute e il tasso di mortalit\u00e0.<\/p>

Tale lento progresso \u00e8 da imputare alle decisioni negligenti<\/b> dei governi che stabiliscono che tali questioni dovevano essere affrontate privatamente dalle singole famiglie. Inoltre, nei rari casi di disponibilit\u00e0 economiche, sono state discriminate le aree rurali a favore di quelle urbane.<\/p>

Questo tipo di discriminazione vige anche in Kenya<\/b>, dove le aree urbane godono di migliori accessi all’acqua e alla rete fognaria. Nonostante ci\u00f2, estreme disparit\u00e0 si verificano anche all\u2019interno dei medesimi centri urbani. Infatti, coloro che vivono nelle baraccopoli o in insediamenti illegali\/informali hanno minor accesso ad acqua potabile o servizi igienici pubblici.<\/p>

The Guardian<\/a>, Water Supply and Sanitation info<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

4 agosto 2020

News dal Kenya

Le Conseguenze del Lockdown per le Donne

La pandemia e il lockdown stanno colpendo duramente tutta la popolazione mondiale in termini economici, sanitari e sociali. In tutto il mondo ma soprattutto nei paesi più vulnerabili, donne e … Continua

29 luglio 2020

Coronavirus, News dal Kenya

Lettera dagli Slum: l'Appello di Davide

Condividiamo con voi l’appello del nostro coordinatore delle attività a Nairobi, Davide, che sta lavorando sul campo per contrastare l’emergenza alimentare e sociale che affligge la popolazione degli slum di … Continua

22 luglio 2020

News dal Kenya

Scuole chiuse fino a gennaio: il Kenya dimentica i bambini degli slum

“Tenere le scuole chiuse comporta molti più rischi che benefici”. The Economist (dal titolo di un articolo di qualche giorno fa)   Due settimane fa il ministero dell’istruzione keniano ha … Continua

× Come possiamo aiutarti?