News e Comunicazioni

Per l’undicesima volta consecutiva, oggi, 14 giugno, compleanno di Karl Landsteiner biologo e fisiologo scopritore dei quattro principali gruppi sanguigni umani (A, B, AB e 0) e coscopritore del fattore Rhesus, si celebra la Giornata Internazionale dei Donatori del Sangue istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO).

Tema scelto per l’edizione di quest’anno è ‘Sangue sicuro per salvare le madri‘, che si pone l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sull’importanza di garantire sempre e ovunque l’accesso al sangue e ai suoi componenti per prevenire i decessi materni, provocati da complicazioni legate al parto o per forti sanguinamenti durante o dopo il parto. Si stima che ogni giorno, circa 800 donne ne rimangano vittime soprattutto in Africa Subsahariana (dove si registra il 50% dei casi).

Le donazioni di sangue non sono vitali soltanto per le madri partorienti, ma sono necessarie anche per i casi di interventi chirurgici urgenti o programmati, trapianti, e malati di alcune forme di leucemia, talassemici, emofiliaci. In Kenya solo gli studenti donano il sangue. La Dott.sa Margaret Oduor, Direttore del Kenyan National Blood Transfusion Services stima che ogni giorno circa 1200 kenyoti necessitano di sangue, ma che non sempre questi livelli sono garantiti poichè le scuole chiudono per le vacanze. Nonostante le frequenti campagne di sensibilizzazione, per questioni culturali, gli adulti non sono disposti a donare il loro sangue, sebbene questo potrebbe rivelarsi un giorno fondamentale per salvare loro la vita.

WHO, All Africa, AVIS 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Per l\u2019undicesima volta consecutiva, oggi, 14 giugno, compleanno di Karl Landsteiner<\/b> biologo e fisiologo scopritore dei quattro principali gruppi sanguigni uman<\/b>i (A, B, AB e 0) e coscopritore del fattore Rhesus, si celebra la Giornata Internazionale dei Donatori del Sangue istituita dall’Organizzazione Mondiale della Sanit\u00e0 (WHO<\/b>).<\/span>
<\/p>

Tema scelto per l’edizione di quest’anno \u00e8 ‘Sangue sicuro per salvare le madri<\/i>‘, che si pone l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sull’importanza di garantire sempre e ovunque l’accesso al sangue e ai suoi componenti per prevenire i decessi materni, provocati da complicazioni legate al parto o per forti sanguinamenti durante o dopo il parto. Si stima che ogni giorno, circa 800 donne ne rimangano vittime soprattutto in Africa Subsahariana<\/b> (dove si registra il 50% dei casi).<\/p>

Le donazioni di sangue non sono vitali soltanto per le madri partorienti, ma sono necessarie anche per i casi di interventi chirurgici urgenti o programmati, trapianti, e malati di alcune forme di leucemia, talassemici, emofiliaci. In Kenya<\/b> solo gli studenti donano il sangue. La Dott.sa Margaret Oduor<\/b>, Direttore del Kenyan National Blood Transfusion Services stima che ogni giorno circa 1200 kenyoti necessitano di sangue, ma che non sempre questi livelli sono garantiti poich\u00e8 le scuole chiudono per le vacanze. Nonostante le frequenti campagne di sensibilizzazione, per questioni culturali, gli adulti non sono disposti a donare il loro sangue, sebbene questo potrebbe rivelarsi un giorno fondamentale per salvare loro la vita.<\/p>

WHO<\/a>, All Africa<\/a>, AVIS<\/a> <\/span><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 dicembre 2020

Caterina e il Diritto allo Studio dei Nostri Bambini

“Il mio è un desiderio: sarebbe bellissimo che questi bimbi vivessero davvero protetti, che vivessero come bambini, nella leggerezza dell’infanzia”. Quando per la prima volta nel 2007 abbiamo visitato la … Continua

30 novembre 2020

L'HIV non è Ancora Sconfitto

1,7 milioni di nuovi infetti, 690 mila morti e 38 milioni di persone che convivono con il virus. Non stiamo parlando di Covid-19 o di una nuova pandemia mondiale, ma … Continua

30 novembre 2020

Il 25 Novembre nello Slum

Il 2020 è stato un anno pieno di difficoltà, anche per la nostra associazione. Tuttavia, non solo non ci siamo fermati davanti ai mille ostacoli che abbiamo incontrato, ma abbiamo … Continua

× Come possiamo aiutarti?