News e Comunicazioni

Mentre in Sud Italia gli sbarchi di profughi in fuga dal Medio Oriente e dall’Africa non accennano a diminuire, oggi si commemora la Giornata Mondiale del Rifugiato, il cui tema quest’anno è è: ‘Ogni storia merita di essere ascoltata’, un invito a non dimenticare le singole storie di grandi “sopravvissuti dei nostri tempi”. Questa giornata è stata riconosciuta a livello universale dal 2001 per riaffermare i principi basilari della Convenzione sui Rifugiati (1951), incluso il divieto di espellere o di rimandare indietro i rifugiati in territori dove le loro vite e libertà sarebbero minacciate a causa della razza, religione, nazionalità, opinione politica o appartenenza a un particolare gruppo sociale.

A causa degli attacchi terroristici che hanno sconvolto il Paese negli ultimi mesi, dallo scorso aprile in Kenya questi principi sono sempre più a rischio. Infatti, il Governo kenyota ha deciso che tutti gli immigrati, principalmente di nazionalità somala, devono essere internati nel Campo Profughi di Dadaab – il più grande al mondo – e per ora non è prevista alcuna integrazione regolare nel paese. A sottolineare questa condotta, in aprile circa 200 rifugiati sono stati rimpatriati in Somalia.

Nonostante ciò, la comunità di rifugiati del campo ha deciso di partecipare alla commemorazione di questa giornata rivolgendo messaggi di pace al mondo attraverso la campagna “31 Days of Peace Messages”, iniziata il 20 di maggi e che si conclude proprio oggi. Anche in molte città italiane si svolgeranno manifestazioni di solidarietà.

Ministero degli InterniUNHCR , Relief Web

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Mentre in Sud Italia gli sbarchi di profughi in fuga dal Medio Oriente e dall’Africa non accennano a diminuire, oggi si commemora la Giornata Mondiale del Rifugiato<\/b>, il cui tema quest\u2019anno \u00e8 \u00e8: \u2018Ogni storia merita di essere ascoltata<\/b>\u2019, un invito a non dimenticare le singole storie di grandi \u201csopravvissuti dei nostri temp<\/i>i\u201d. Questa giornata <\/span>\u00e8 stata riconosciuta a livello universale dal 2001 per riaffermare i principi basilari della <\/span>Convenzione sui Rifugiati<\/b> (1951), incluso il divieto di espellere o di rimandare indietro i rifugiati in territori dove le loro vite e libert\u00e0 sarebbero minacciate a causa della razza, religione, nazionalit\u00e0, opinione politica o appartenenza a un particolare gruppo sociale.<\/span><\/p>

A causa degli attacchi terroristici che hanno sconvolto il Paese negli ultimi mesi, dallo scorso aprile in Kenya<\/b> questi principi sono sempre pi\u00f9 a rischio. Infatti, il Governo kenyota ha deciso che tutti gli immigrati, principalmente di nazionalit\u00e0 somala, devono essere internati nel Campo Profughi di Dadaab<\/b> \u2013 il pi\u00f9 grande al mondo \u2013 e per ora non \u00e8 prevista alcuna integrazione regolare nel paese. A sottolineare questa condotta, in aprile circa 200 rifugiati sono stati rimpatriati in Somalia<\/b>.<\/p>

Nonostante ci\u00f2, la comunit\u00e0 di rifugiati del campo ha deciso di partecipare alla commemorazione di questa giornata rivolgendo messaggi di pace<\/b> al mondo attraverso la campagna \u201c31 Days of Peace Messages<\/i>\u201d, iniziata il 20 di maggi e che si conclude proprio oggi. Anche in molte citt\u00e0 italiane si svolgeranno manifestazioni di solidariet\u00e0.<\/p>

Ministero degli Interni<\/a>, UNHCR<\/a> , Relief Web<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?