News e Comunicazioni

La notizia, anticipata dal Sottosegretario all’Immigrazione Domenico Manzione, giunge mentre il governo affronta un crescente sentimento anti-immigrati alimentato anche dai massicci sbarchi di questi mesi nel sud di migranti partiti dalle coste africane.

Secondo l’attuale legislazione, i figli di genitori immigrati non hanno automaticamente diritto alla cittadinanza anche se nati in Italia e iscritti a scuole italiane, ma devono prima diventare maggiorenni. Le proposte di modifica della legge per consentire di adottare un modello più vicino allo ius soli sono state finora ignorate o contestate, come nel caso del testo presentato dell’ex ministro Kyenge.

Ora però il Ministero dell’Intero punta a emettere una circolare interpretativa che riconosca subito la cittadinanza ai figli nati in Italia da genitori a cui è stato riconosciuto l’asilo politico. L’iniziativa “sicuramente manda un messaggio di accoglienza, risponde a una questione di diritti umani e rimedia a una disparità di trattamento evidente“, ha detto Manzione.

 La circolare sarà emanata nel giro “di poche settimane al massimo“, ha spiegato il sottosegretario, spiegando che comunque i giovani interessati dal provvedimento “numericamente non sono tanti”. Un passo verso una normativa più inclusiva, che attende di essere discussa in Parlamento. Attualmente ai figli dei rifugiati in Italia viene attribuito lo stesso status, ma non a coloro nati dopo che l’asilo è stato garantito. Finora in Italia sono state registrate, per il 2014, 21.000 richieste di asilo, ben più di quelle presentate in tutto il 2013, ha detto Mazione. E sono oltre 40.000 i migranti giunti via mare.

Reuters

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

La notizia, anticipata dal Sottosegretario all’Immigrazione Domenico Manzione<\/b>, giunge mentre il governo affronta un crescente sentimento anti-immigrati alimentato anche dai massicci sbarchi di questi mesi nel sud di migranti partiti dalle coste africane.<\/span>
<\/p>

Secondo l’attuale legislazione, i figli di genitori immigrati non hanno automaticamente diritto alla cittadinanza anche se nati in Italia e iscritti a scuole italiane, ma devono prima diventare maggiorenni. Le proposte di modifica della legge per consentire di adottare un modello pi\u00f9 vicino allo ius soli<\/i> sono state finora ignorate o contestate, come nel caso del testo presentato dell’ex ministro Kyenge.<\/p>

Ora per\u00f2 il Ministero dell’Intero punta a emettere una circolare interpretativa che riconosca subito la cittadinanza ai figli nati in Italia da genitori a cui \u00e8 stato riconosciuto l’asilo politico. L’iniziativa \”sicuramente manda un messaggio di accoglienza, risponde a una questione di diritti umani e rimedia a una disparit\u00e0 di trattamento evidente<\/i>\”, ha detto Manzione.<\/p>

 La circolare sar\u00e0 emanata nel giro \”di poche settimane al massimo<\/i>\”, ha spiegato il sottosegretario, spiegando che comunque i giovani interessati dal provvedimento \”numericamente non sono tanti<\/i>\u201d. Un passo verso una normativa pi\u00f9 inclusiva, che attende di essere discussa in Parlamento. Attualmente ai figli dei rifugiati<\/b> in Italia<\/b> viene attribuito lo stesso status, ma non a coloro nati dopo che l’asilo \u00e8 stato garantito. Finora in Italia sono state registrate, per il 2014, 21.000 richieste di asilo, ben pi\u00f9 di quelle presentate in tutto il 2013, ha detto Mazione. E sono oltre 40.000 i migranti giunti via mare.<\/p>

Reuters<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

24 settembre 2020

Diamo i Numeri... Grazie a Voi!

SEMBRAVA IMPOSSIBILE, MA GRAZIE A VOI CI STIAMO RIUSCENDO! Da qualche mese abbiamo lanciato il nuovo progetto per aiutare le famiglie che vivono negli slum, ridotte alla fame dalle conseguenze … Continua

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

× Come possiamo aiutarti?