News e Comunicazioni

Sebbene non ci sia un credo ufficialmente riconosciuto dallo Stato, la religione è un fattore culturale molto sentito in tutto il Kenya. Si stima che circa tre quarti della popolazione kenyota si professi cristiana protestante, mentre solo un quinto della popolazione aderisce ancora alle credenze tradizionali, che si stanno perdendo. Data la presenza di molti gruppi etnici, anche le pratiche religiose variano notevolmente.

In generale, il concetto di Dio delle credenze tradizionali kenyote è molto simile al concetto Cristiano o Mussulmano. Dio è eterno nonché unico creatore onnipotente dell’universo e dell’uomo. Quest’ultimo in molte cosmologie è stato scacciato da qualche mondo superiore paradisiaco. Il nome attributo a Dio varia da tribù a tribù; le denominazioni più frequenti rimangono: Ngai, Enkai, Akuj, Mulungu e Mungu. Sebbene Dio non si possa vedere personalmente, si possono ammirare le sue manifestazioni tramite fenomeni atmosferici (es. pioggia o siccità con tutte le loro conseguenze), lo si trova inoltre anche in altri elementi naturali (es. sole, luna, stelle, tuoni e lampi) e alberi. Tra questi ultimi, il Ficus Watkinsiana (noto come Fico Strangolatore) è sacro a numerose tribù.

A causa delle varie manifestazioni di Dio, insieme ai diversi nomi che gli si attribuiscono, gli occidentali si sono convinti che i popoli del Kenya fossero politeisti senza capire che le diverse denominazioni attribuite a Dio, fossero in realtà un modo per distinguerne gli ‘stati d’animo’. Un altro malinteso riguarda il sesso della divinità: sebbene per molte tribù sia un maschio, per molte altre – compresa la tribù Maasai, solitamente considerata misogina secondo gli standard occidentali – Dio ha caratteristiche femminili.

BlueGeko

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Sebbene non ci sia un credo ufficialmente riconosciuto dallo Stato, la religione<\/b> \u00e8 un fattore culturale molto sentito in tutto il Kenya. Si stima che circa tre quarti della popolazione kenyota si professi cristiana protestante, mentre solo un quinto della popolazione aderisce ancora alle credenze tradizionali, che si stanno perdendo. Data la presenza di molti gruppi etnici, anche le pratiche religiose variano notevolmente.<\/span>
<\/p>

In generale, il concetto di Dio<\/b> delle credenze tradizionali kenyote \u00e8 molto simile al concetto Cristiano o Mussulmano. Dio \u00e8 eterno nonch\u00e9 unico creatore onnipotente dell\u2019universo e dell\u2019uomo. Quest\u2019ultimo in molte cosmologie \u00e8 stato scacciato da qualche mondo superiore paradisiaco. Il nome attributo a Dio varia da trib\u00f9 a trib\u00f9; le denominazioni pi\u00f9 frequenti rimangono: Ngai<\/b>, Enkai<\/b>, Akuj<\/b>, Mulungu<\/b> e Mungu<\/b>. Sebbene Dio non si possa vedere personalmente, si possono ammirare le sue manifestazioni<\/b> tramite fenomeni atmosferici<\/b> (es. pioggia o siccit\u00e0 con tutte le loro conseguenze), lo si trova inoltre anche in altri elementi naturali<\/b> (es. sole, luna, stelle, tuoni e lampi) e alberi. Tra questi ultimi, il Ficus Watkinsiana (noto come Fico Strangolatore<\/b>) \u00e8 sacro a numerose trib\u00f9.<\/p>

A causa delle varie manifestazioni di Dio, insieme ai diversi nomi che gli si attribuiscono, gli occidentali si sono convinti che i popoli del Kenya fossero politeisti<\/b> senza capire che le diverse denominazioni attribuite a Dio, fossero in realt\u00e0 un modo per distinguerne gli \u2018stati d\u2019animo<\/i>\u2019. Un altro malinteso riguarda il sesso della divinit\u00e0: sebbene per molte trib\u00f9 sia un maschio, per molte altre \u2013 compresa la trib\u00f9 Maasai<\/b>, solitamente considerata misogina secondo gli standard occidentali \u2013 Dio ha caratteristiche femminili.<\/p>

BlueGeko<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua