News e Comunicazioni

Sway4Edu, un programma della società italiana Openet, e Odyssey, un tablet sviluppato in India, stanno portando scuole, radio rurali via satellite nei luoghi più remoti del mondo. Nei luoghi troppo isolati da coprire con cavi e fibre ottiche spesso si assiste a una diffusione più rapida delle reti wireless. Nei luoghi troppo isolati anche per i ricevitori cellulari, si arriva con il satellite.

Partendo da questo semplice concetto, la società di Matera Openet, ha avviato una serie di progetti volti a portare l’accesso Internet in alcune delle aree più remote del pianeta come RD del Congo, Mali e ora anche in Sudafrica. In queste zone Internet significa aver accesso alle radio rurali locali per diffondere musica e informazioni, significa poter organizzare e gestire elezione democratiche e soprattutto significa l’accesso a scuole, e quindi a un’istruzione digitale, che si traduce in maggiori opportunità di sviluppo.

Openet è il principale contractor per l’ESA e ha investito direttamente in questi progetti. In Congo l’azienda italiana collaborerà con la FAO e provvederà sia la connettività e i contenuti formativi sia la piattaforma che permetterà alle radio di condividere i contenuti dei loro palinsesti in cloud. In Sudafrica verranno realizzate strutture alimentate a pannelli solari e dotate di una doppia parabola. Un laptop verrà usato come server per creare una rete Wi-Fi attraverso cui accedere via tablet alla piattaforma di eLearning di Openet. “Entrambi i progetti hanno una forte componente di capacity building, cioè insegneremo agli abitanti a installare e utilizzare queste risorse autonomamente“, spiega Cuccarese, Chief Operating Officer. “Non portiamo personale dall’Europa ma formiamo le risorse locali, unendo al business anche questo aspetto di training professionale. I satelliti possono davvero risolvere enormi problematiche e offrire un contributo davvero importante al territorio africano“.

Corriere della Sera

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Sway4Edu<\/b>, un programma della societ\u00e0 italiana Openet, e Odyssey<\/b>, un tablet sviluppato in India, stanno portando scuole, radio rurali via satellite nei luoghi pi\u00f9 remoti del mondo. Nei luoghi troppo isolati da coprire con cavi e fibre ottiche spesso si assiste a una diffusione pi\u00f9 rapida delle reti wireless. Nei luoghi troppo isolati anche per i ricevitori cellulari, si arriva con il satellite<\/b>.<\/span>
<\/p>

Partendo da questo semplice concetto, la societ\u00e0 di Matera Openet<\/b>, ha avviato una serie di progetti volti a portare l\u2019accesso Internet in alcune delle aree pi\u00f9 remote del pianeta come RD del Congo<\/b>, Mali<\/b> e ora anche in Sudafrica<\/b>. In queste zone Internet significa aver accesso alle radio rurali locali per diffondere musica e informazioni, significa poter organizzare e gestire elezione democratiche e soprattutto significa l\u2019accesso a scuole, e quindi a un\u2019istruzione digitale, che si traduce in maggiori opportunit\u00e0 di sviluppo.<\/p>

Openet \u00e8 il principale contractor per l\u2019ESA<\/b> e ha investito direttamente in questi progetti. In Congo l\u2019azienda italiana collaborer\u00e0 con la FAO<\/b> e provveder\u00e0 sia la connettivit\u00e0 e i contenuti formativi sia la piattaforma che permetter\u00e0 alle radio di condividere i contenuti dei loro palinsesti in cloud. In Sudafrica verranno realizzate strutture alimentate a pannelli solari e dotate di una doppia parabola. Un laptop verr\u00e0 usato come server per creare una rete Wi-Fi attraverso cui accedere via tablet alla piattaforma di eLearning di Openet. \”Entrambi i progetti hanno una forte componente di capacity building, cio\u00e8 insegneremo agli abitanti a installare e utilizzare queste risorse autonomamente<\/i>\”, spiega Cuccarese<\/b>, Chief Operating Officer. \”Non portiamo personale dall’Europa ma formiamo le risorse locali, unendo al business anche questo aspetto di training professionale. I satelliti possono davvero risolvere enormi problematiche e offrire un contributo davvero importante al territorio africano<\/i>\”.<\/p>

Corriere della Sera<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

15 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Ai Piedi della Discarica: il Racconto di Arianna

Dandora è uno dei più di 100 slum di Nairobi. Un agglomerato di baracche e strade strette, dove vivono e si muovono migliaia di persone. A soli 7 chilometri dal … Continua

10 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Alla Scoperta di Rombo con Alessandra

“Tanti di loro erano scalzi, la divisa era ormai logorata dal tempo, ma i loro sorrisi e gli occhi illuminati da una luce che solo la savana e le distese … Continua

3 gennaio 2021

Le Novità del 2021

Il 2020 ha stravolto le vite di tutti noi, in un modo o nell’altro. Alcuni dei piani che avevamo riguardo i nostri progetti in Kenya e in Italia sono rimasti … Continua

× Come possiamo aiutarti?