News e Comunicazioni

Sway4Edu, un programma della società italiana Openet, e Odyssey, un tablet sviluppato in India, stanno portando scuole, radio rurali via satellite nei luoghi più remoti del mondo. Nei luoghi troppo isolati da coprire con cavi e fibre ottiche spesso si assiste a una diffusione più rapida delle reti wireless. Nei luoghi troppo isolati anche per i ricevitori cellulari, si arriva con il satellite.

Partendo da questo semplice concetto, la società di Matera Openet, ha avviato una serie di progetti volti a portare l’accesso Internet in alcune delle aree più remote del pianeta come RD del Congo, Mali e ora anche in Sudafrica. In queste zone Internet significa aver accesso alle radio rurali locali per diffondere musica e informazioni, significa poter organizzare e gestire elezione democratiche e soprattutto significa l’accesso a scuole, e quindi a un’istruzione digitale, che si traduce in maggiori opportunità di sviluppo.

Openet è il principale contractor per l’ESA e ha investito direttamente in questi progetti. In Congo l’azienda italiana collaborerà con la FAO e provvederà sia la connettività e i contenuti formativi sia la piattaforma che permetterà alle radio di condividere i contenuti dei loro palinsesti in cloud. In Sudafrica verranno realizzate strutture alimentate a pannelli solari e dotate di una doppia parabola. Un laptop verrà usato come server per creare una rete Wi-Fi attraverso cui accedere via tablet alla piattaforma di eLearning di Openet. “Entrambi i progetti hanno una forte componente di capacity building, cioè insegneremo agli abitanti a installare e utilizzare queste risorse autonomamente“, spiega Cuccarese, Chief Operating Officer. “Non portiamo personale dall’Europa ma formiamo le risorse locali, unendo al business anche questo aspetto di training professionale. I satelliti possono davvero risolvere enormi problematiche e offrire un contributo davvero importante al territorio africano“.

Corriere della Sera

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Sway4Edu<\/b>, un programma della societ\u00e0 italiana Openet, e Odyssey<\/b>, un tablet sviluppato in India, stanno portando scuole, radio rurali via satellite nei luoghi pi\u00f9 remoti del mondo. Nei luoghi troppo isolati da coprire con cavi e fibre ottiche spesso si assiste a una diffusione pi\u00f9 rapida delle reti wireless. Nei luoghi troppo isolati anche per i ricevitori cellulari, si arriva con il satellite<\/b>.<\/span>
<\/p>

Partendo da questo semplice concetto, la societ\u00e0 di Matera Openet<\/b>, ha avviato una serie di progetti volti a portare l\u2019accesso Internet in alcune delle aree pi\u00f9 remote del pianeta come RD del Congo<\/b>, Mali<\/b> e ora anche in Sudafrica<\/b>. In queste zone Internet significa aver accesso alle radio rurali locali per diffondere musica e informazioni, significa poter organizzare e gestire elezione democratiche e soprattutto significa l\u2019accesso a scuole, e quindi a un\u2019istruzione digitale, che si traduce in maggiori opportunit\u00e0 di sviluppo.<\/p>

Openet \u00e8 il principale contractor per l\u2019ESA<\/b> e ha investito direttamente in questi progetti. In Congo l\u2019azienda italiana collaborer\u00e0 con la FAO<\/b> e provveder\u00e0 sia la connettivit\u00e0 e i contenuti formativi sia la piattaforma che permetter\u00e0 alle radio di condividere i contenuti dei loro palinsesti in cloud. In Sudafrica verranno realizzate strutture alimentate a pannelli solari e dotate di una doppia parabola. Un laptop verr\u00e0 usato come server per creare una rete Wi-Fi attraverso cui accedere via tablet alla piattaforma di eLearning di Openet. \”Entrambi i progetti hanno una forte componente di capacity building, cio\u00e8 insegneremo agli abitanti a installare e utilizzare queste risorse autonomamente<\/i>\”, spiega Cuccarese<\/b>, Chief Operating Officer. \”Non portiamo personale dall’Europa ma formiamo le risorse locali, unendo al business anche questo aspetto di training professionale. I satelliti possono davvero risolvere enormi problematiche e offrire un contributo davvero importante al territorio africano<\/i>\”.<\/p>

Corriere della Sera<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

18 ottobre 2020

Brosway per le donne e le bambine degli slum

Dall’inizio della pandemia, la nostra associazione ha attraversato momenti di grande difficoltà. Anche oggi, con le scuole chiuse a Nairobi e le famiglie delle baraccopoli ridotte alla fame, non sapremmo … Continua

15 ottobre 2020

Il Diritto al Cibo e il Rinnovato Impegno della Chiesa Valdese

Il cibo come bisogno primario. Come primo mattone per costruire una comunità. Come primo intervento alla base di cure mediche e assistenza al lavoro. Il 16 ottobre si celebra la … Continua

11 ottobre 2020

11 Ottobre: Giornata Internazionale delle Bambine

Dal 2011, l’11 ottobre si celebra la Giornata Internazionale delle Bambine, istituita dall’assemblea generale dell’ONU. Era il 1995 quando per la prima volta nella storia delle Nazioni Unite si parlò di … Continua

× Come possiamo aiutarti?