News e Comunicazioni

Ogni tanto vengono beccati e puniti. Nonostante la condanna del 2011, Joe Benson, cittadino inglese, si è mostrato recidivo e ha continuato le sue attività di esportazione illegale di rifiuti tossici verso Gana, Nigeria, Costa d’Avorio e Congo. Questa volta però rimarrà in carcere per 16 mesi.

Joe Benson è stato trovato con 46 tonnellate di tubi catodici rotti, televisori non funzionanti, freezer e frigoriferi usati stipati all’interno di container intercettati dalle autorità portuali tra settembre 2012 e aprile 2013. Secondo l’Environment Agency inglese, i rifiuti provenivano da diversi punti di raccolta nella zona di Londra, Regno Unito, e venivano portati nella sua discarica autorizzata dove sarebbero dovuti essere analizzati e controllati prima dell’autorizzazione all’esportazione. Si è stimato che evitando i costi di smaltimento sicuro dei rifiuti contenuti nei container intercettati, Benson avrebbe intascato circa £32,000.

I rifiuti elettronici esportati verso i paesi africani, che non dispongono di adeguate infrastrutture per lo smaltimento sicuro, finiscono dentro ad immense discariche dove i prodotti vengono bruciati e disassemblati per estrarre metalli preziosi causando inquinamento e problemi di salute dati dalla presenza di materiali tossici come mercurio e fosforo. Andrew Higham, direttore della squadra anti-crimine ambientale dell’Environment Agency dice: “Non esistono crimini senza vittime. Le regole che governano l’esportazione di rifiuti elettronici esistono per una buona ragione, proteggere la vita umana e l’ambiente. Mr. Benson deve pagare per aver tratto beneficio personale da un’attività illegale”.

The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Ogni tanto vengono beccati e puniti. Nonostante la condanna del 2011, Joe Benson<\/b>, cittadino inglese, si \u00e8 mostrato recidivo e ha continuato le sue attivit\u00e0 di esportazione illegale di rifiuti tossici verso Gana<\/b>, Nigeria<\/b>, Costa d\u2019Avorio<\/b> e Congo<\/b>. Questa volta per\u00f2 rimarr\u00e0 in carcere per 16 mesi.<\/p>

Joe Benson \u00e8 stato trovato con 46 tonnellate di tubi catodici rotti, televisori non funzionanti, freezer e frigoriferi usati stipati all’interno di container intercettati dalle autorit\u00e0 portuali tra settembre 2012 e aprile 2013. Secondo l\u2019Environment Agency<\/b> inglese, i rifiuti provenivano da diversi punti di raccolta nella zona di Londra<\/b>, Regno Unito, e venivano portati nella sua discarica autorizzata dove sarebbero dovuti essere analizzati e controllati prima dell\u2019autorizzazione all’esportazione. Si \u00e8 stimato che evitando i costi di smaltimento sicuro dei rifiuti contenuti nei container intercettati, Benson avrebbe intascato circa \u00a332,000.<\/p>

I rifiuti elettronici<\/b> esportati verso i paesi africani, che non dispongono di adeguate infrastrutture per lo smaltimento sicuro, finiscono dentro ad immense discariche dove i prodotti vengono bruciati e disassemblati per estrarre metalli preziosi causando inquinamento e problemi di salute dati dalla presenza di materiali tossici come mercurio e fosforo. Andrew Higham<\/b>, direttore della squadra anti-crimine ambientale dell\u2019Environment Agency dice: \u201cNon esistono crimini senza vittime. Le regole che governano l\u2019esportazione di rifiuti elettronici esistono per una buona ragione, proteggere la vita umana e l\u2019ambiente. Mr. Benson deve pagare per aver tratto beneficio personale da un\u2019attivit\u00e0 illegale<\/i>\u201d.<\/p>

\n\n\n\n\n\n\n\n\n<\/p>

The Guardian<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua