News e Comunicazioni

Ogni tanto vengono beccati e puniti. Nonostante la condanna del 2011, Joe Benson, cittadino inglese, si è mostrato recidivo e ha continuato le sue attività di esportazione illegale di rifiuti tossici verso Gana, Nigeria, Costa d’Avorio e Congo. Questa volta però rimarrà in carcere per 16 mesi.

Joe Benson è stato trovato con 46 tonnellate di tubi catodici rotti, televisori non funzionanti, freezer e frigoriferi usati stipati all’interno di container intercettati dalle autorità portuali tra settembre 2012 e aprile 2013. Secondo l’Environment Agency inglese, i rifiuti provenivano da diversi punti di raccolta nella zona di Londra, Regno Unito, e venivano portati nella sua discarica autorizzata dove sarebbero dovuti essere analizzati e controllati prima dell’autorizzazione all’esportazione. Si è stimato che evitando i costi di smaltimento sicuro dei rifiuti contenuti nei container intercettati, Benson avrebbe intascato circa £32,000.

I rifiuti elettronici esportati verso i paesi africani, che non dispongono di adeguate infrastrutture per lo smaltimento sicuro, finiscono dentro ad immense discariche dove i prodotti vengono bruciati e disassemblati per estrarre metalli preziosi causando inquinamento e problemi di salute dati dalla presenza di materiali tossici come mercurio e fosforo. Andrew Higham, direttore della squadra anti-crimine ambientale dell’Environment Agency dice: “Non esistono crimini senza vittime. Le regole che governano l’esportazione di rifiuti elettronici esistono per una buona ragione, proteggere la vita umana e l’ambiente. Mr. Benson deve pagare per aver tratto beneficio personale da un’attività illegale”.

The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Ogni tanto vengono beccati e puniti. Nonostante la condanna del 2011, Joe Benson<\/b>, cittadino inglese, si \u00e8 mostrato recidivo e ha continuato le sue attivit\u00e0 di esportazione illegale di rifiuti tossici verso Gana<\/b>, Nigeria<\/b>, Costa d\u2019Avorio<\/b> e Congo<\/b>. Questa volta per\u00f2 rimarr\u00e0 in carcere per 16 mesi.<\/p>

Joe Benson \u00e8 stato trovato con 46 tonnellate di tubi catodici rotti, televisori non funzionanti, freezer e frigoriferi usati stipati all’interno di container intercettati dalle autorit\u00e0 portuali tra settembre 2012 e aprile 2013. Secondo l\u2019Environment Agency<\/b> inglese, i rifiuti provenivano da diversi punti di raccolta nella zona di Londra<\/b>, Regno Unito, e venivano portati nella sua discarica autorizzata dove sarebbero dovuti essere analizzati e controllati prima dell\u2019autorizzazione all’esportazione. Si \u00e8 stimato che evitando i costi di smaltimento sicuro dei rifiuti contenuti nei container intercettati, Benson avrebbe intascato circa \u00a332,000.<\/p>

I rifiuti elettronici<\/b> esportati verso i paesi africani, che non dispongono di adeguate infrastrutture per lo smaltimento sicuro, finiscono dentro ad immense discariche dove i prodotti vengono bruciati e disassemblati per estrarre metalli preziosi causando inquinamento e problemi di salute dati dalla presenza di materiali tossici come mercurio e fosforo. Andrew Higham<\/b>, direttore della squadra anti-crimine ambientale dell\u2019Environment Agency dice: \u201cNon esistono crimini senza vittime. Le regole che governano l\u2019esportazione di rifiuti elettronici esistono per una buona ragione, proteggere la vita umana e l\u2019ambiente. Mr. Benson deve pagare per aver tratto beneficio personale da un\u2019attivit\u00e0 illegale<\/i>\u201d.<\/p>

\n\n\n\n\n\n\n\n\n<\/p>

The Guardian<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

27 novembre 2020

Natale con Alice: la Video Intervista a Remo

“Il messaggio è uno solo: aiutate Alice for Children ad aiutare i bambini del Kenya” La nostra campagna di Natale non sarebbe stata possibile senza la preziosa collaborazione di due … Continua

26 novembre 2020

La Borraccia di Alice per il Diritto all'Acqua dei Bambini di Nairobi

26Apriamo un rubinetto nelle nostre case ed eccolo lì, fresco e pulito, il bene più prezioso che il nostro pianeta ci abbia mai regalato. Bene che utilizziamo per lavarci, innaffiare … Continua

25 novembre 2020

Lo Slum Contro la Violenza sulle Donne

Nel mondo, il 35% delle donne ha subito violenze fisiche e/o sessuali da parte di un partner o di un conoscente. Casi di depressione, aborti e HIV sono più frequenti … Continua

× Come possiamo aiutarti?