News e Comunicazioni

World Bank (WB) ha recentemente pubblicato delle statistiche che scattano una foto della crescita economica globale poco rassicurante. Essa infatti, non è abbastanza elevata per pensare di ridurre la povertà nel mondo.

I paesi BRICS, che fino a qualche tempo fa guidavano la corsa del treno del pianeta, hanno rallentato. Secondo la WB questi paesi, sono chiamati a fare uno sforzo in investimenti e riforme interne per continuare ad andare avanti con le percentuali di crescita degli ultimi anni e generare sviluppo per tutti anziché solo ricchezza per pochi. La WB prevede una diminuzione del PIL per i BRICS nel 2014 dal 5,3% al 4,8%. Se confermato, sarebbe il terzo anno di crescita consecutiva sotto il 5% per il gruppo di paesi più dinamici. Tale peggioramento riflette l’impatto delle crisi in Ucraina, Libia e Iraq e le tensioni conseguenti sull’export e sui prezzi di gas e petrolio.

Per diversi paesi dell’Africa subsahariana invece continua, sorprendentemente, il trend positivo di crescita, sopra la media mondiale. Il PIL della regione continuerà a crescere dopo aver archiviato nel 2013 un incremento del 4,7%, e del 3,7% nel 2012, sostenuto da investimenti pubblici nei settori dell’energia e delle infrastrutture. In molti paesi, tuttavia, è aumentato il deficit corrente proprio per i programmi di investimento pubblico, l’aumento dei salari dei dipendenti pubblici e l’aumento dei trasferimenti per l’economia, e anche in ragione di una diminuzione degli introiti legati all’export delle materie prime, in conseguenza della debolezza dei prezzi delle commodity sui mercati internazionali. In Mozambico il debito pubblico è aumentato del 43,3% del PIL; in Gambia, addirittura, è arrivato all’82,1% nel 2013. Il debito pubblico è cresciuto anche nei paesi con un buon livello: in Ghana il debito è arrivato al 60,1% del PIL. Secondo la WB, nei prossimi anni saranno necessarie delle politiche fiscali più incisive per rendere sostenibile l’indebitamento e i margini di miglioramento ci sono.

Nigrizia

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

World Bank (WB)<\/b> ha recentemente pubblicato delle statistiche che scattano una foto della crescita economica globale poco rassicurante. Essa infatti, non \u00e8 abbastanza elevata per pensare di ridurre la povert\u00e0 nel mondo.<\/span><\/p>

I paesi BRICS<\/b>, che fino a qualche tempo fa guidavano la corsa del treno del pianeta, hanno rallentato. Secondo la WB questi paesi, sono chiamati a fare uno sforzo in investimenti e riforme interne per continuare ad andare avanti con le percentuali di crescita degli ultimi anni e generare sviluppo per tutti anzich\u00e9 solo ricchezza per pochi. La WB prevede una diminuzione del PIL per i BRICS nel 2014 dal 5,3% al 4,8%. Se confermato, sarebbe il terzo anno di crescita consecutiva sotto il 5% per il gruppo di paesi pi\u00f9 dinamici. Tale peggioramento riflette l\u2019impatto delle crisi in Ucraina, Libia e Iraq e le tensioni conseguenti sull\u2019export e sui prezzi di gas e petrolio.<\/span>
<\/p>

Per diversi paesi dell’Africa subsahariana<\/b> invece continua, sorprendentemente, il trend positivo di crescita, sopra la media mondiale. Il PIL della regione continuer\u00e0 a crescere dopo aver archiviato nel 2013 un incremento del 4,7%, e del 3,7% nel 2012, sostenuto da investimenti pubblici nei settori dell\u2019energia e delle infrastrutture. In molti paesi, tuttavia, \u00e8 aumentato il deficit<\/b> corrente proprio per i programmi di investimento pubblico, l\u2019aumento dei salari dei dipendenti pubblici e l\u2019aumento dei trasferimenti per l\u2019economia, e anche in ragione di una diminuzione degli introiti legati all\u2019export delle materie prime, in conseguenza della debolezza dei prezzi delle commodity sui mercati internazionali. In Mozambico il debito pubblico \u00e8 aumentato del 43,3% del PIL; in Gambia, addirittura, \u00e8 arrivato all\u201982,1% nel 2013. Il debito pubblico \u00e8 cresciuto anche nei paesi con un buon livello: in Ghana il debito \u00e8 arrivato al 60,1% del PIL. Secondo la WB, nei prossimi anni saranno necessarie delle politiche fiscali pi\u00f9 incisive per rendere sostenibile l\u2019indebitamento e i margini di miglioramento ci sono.<\/p>

Nigrizia<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua

28 ottobre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Rodgers

Continuiamo a raccontarvi le storie di alcuni dei nostri studenti di Alice Italian Food Academy. Dopo avervi parlato di Brian, cresciuto nel nostro orfanotrofio, oggi vi presentiamo un altro brillante … Continua