News e Comunicazioni

Il Rwanda è un paese noto per i suoi gorilla di montagna, una specie a rischio estinzione che si trova solo nella zona al confine tra Rwanda, Uganda e Repubblica Democratica del Congo, protetta all’interno di parchi nazionali che hanno attirato più di 1 milione di turisti tra 2006 e 2013 generando circa 75 milioni di dollari di entrate. Dal 2005 il governo Rwandese ha iniziato un programma di ridistribuzione delle entrate provenienti dal turismo a favore delle comunità locali in base al quale 5% delle entrate annuali provenienti dai parchi nazionali, viene usato a supporto delle comunità; il risultato è stato che in nove anni $1.83 milioni sono stati divisi tra 360 progetti locali per costruire strade, ponti, progetti di artigianato e piccole imprese, nonché per progetti legati all’igiene idrico. Se non progetti particolarmente attenti al delicato ecosistema dei gorilla.

Le ONG sono coinvolte nell’implementazione delle iniziative comunitarie ma il governo vuole che siano le comunità locali che ricevono i fondi a gestirli e prendere le decisioni. “Ci incontriamo con i leader delle comunità decidiamo la distribuzione dei fondi in base alle priorità nell’area in modo tale da affrontare le problematiche principali”, dice Telesphore Ngoga, Manager della Divisione Conservation del Rwanda Development Board. La trasparenza è assicurata da un costante rapporto di condivisione tra donatore e ricevente e da regolari rapporti sull’utilizzo dei finanziamenti.

Inoltre, il governo ha costruito 57 scuole che hanno dato un’istruzione primaria a circa 13700 studenti nell’ultimo decennio, 12 centri di cura, nonché strade e ponti.

The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Il Rwanda<\/b> \u00e8 un paese noto per i suoi gorilla di montagna<\/b>, una specie a rischio estinzione che si trova solo nella zona al confine tra Rwanda, Uganda e Repubblica Democratica del Congo, protetta all’interno di parchi nazionali che hanno attirato pi\u00f9 di 1 milione di turisti<\/b> tra 2006 e 2013 generando circa 75 milioni di dollari di entrate. Dal 2005 il governo Rwandese ha iniziato un programma di ridistribuzione delle entrate provenienti dal turismo a favore delle comunit\u00e0 locali in base al quale 5% delle entrate annuali provenienti dai parchi nazionali, viene usato a supporto delle comunit\u00e0; il risultato \u00e8 stato che in nove anni $1.83 milioni sono stati divisi tra 360 progetti locali per costruire strade, ponti, progetti di artigianato e piccole imprese, nonch\u00e9 per progetti legati all\u2019igiene idrico. Se non progetti particolarmente attenti al delicato ecosistema dei gorilla.<\/span>
<\/p>

Le ONG sono coinvolte nell\u2019implementazione delle iniziative comunitarie ma il governo vuole che siano le comunit\u00e0 locali che ricevono i fondi a gestirli e prendere le decisioni. \u201cCi incontriamo con i leader delle comunit\u00e0 decidiamo la distribuzione dei fondi in base alle priorit\u00e0 nell\u2019area in modo tale da affrontare le problematiche principali<\/i>\u201d, dice Telesphore Ngoga<\/b>, Manager della Divisione Conservation del Rwanda Development Board<\/b>. La trasparenza \u00e8 assicurata da un costante rapporto di condivisione tra donatore e ricevente e da regolari rapporti sull\u2019utilizzo dei finanziamenti.<\/p>

Inoltre, il governo<\/b> ha costruito 57 scuole che hanno dato un\u2019istruzione primaria a circa 13700 studenti nell\u2019ultimo decennio, 12 centri di cura, nonch\u00e9 strade e ponti.<\/p>

The Guardian<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Un viaggio nella baraccopoli di Korogocho

La baraccopoli di Korogocho è una tra le più grandi e popolose di Nairobi. È qui che siamo approdati più di dieci anni fa nel nostro primo viaggio alla scoperta … Continua

15 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Ai Piedi della Discarica: il Racconto di Arianna

Dandora è uno dei più di 100 slum di Nairobi. Un agglomerato di baracche e strade strette, dove vivono e si muovono migliaia di persone. A soli 7 chilometri dal … Continua

10 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Alla Scoperta di Rombo con Alessandra

“Tanti di loro erano scalzi, la divisa era ormai logorata dal tempo, ma i loro sorrisi e gli occhi illuminati da una luce che solo la savana e le distese … Continua

× Come possiamo aiutarti?