News e Comunicazioni

Yesterday‘, film del 2004, è il primo girato e prodotto interamente in lingua Zulu Il titolo riprende il nome della protagonista, Yesterday, una madre Zulu che vive con Beauty, la figlia di 7 anni, nel villaggio rurale di  Rooihoek nella regione Zulu in Sudafrica.

La protagonista rappresenta lo stereotipo di donna africana che vive lavorando duramente nei campi, cercando al tempo stesso di mantenere la figlia occupata e stimolata. Un giorno beauty trova la madre collassata in casa e dopo che Yesterday si fa finalmente visitare da un dottore, scopre che è malata di AIDS e che probabilmente la colpa è del marito che lavora in una miniera a Johannesburg. Sconvolta nel realizzare che presto la figlia rimarrà da sola, decide di intraprendere un viaggio per andare dal marito, il quale però reagisce picchiandola brutalmente una volta appresa la notizia. Tornata a casa al villaggio, Yesterday continua la sua vita come meglio può determinata a vedere sua figlia andare a scuola perché lei non ha mai potuto farlo. Qualche mese dopo, John, il marito, torna al villaggio profondamente debilitato dalla malattia e le chiede perdono prima di morire.  Quando il dottore le dice che la donna ha un fisico forte capace di tenere la malattia sotto controllo, lei replica che non è il fisico ad essere forte, bensì la sua mente.

Attraverso questa pellicola, il regista Darrell Roodt e il Michael Brierley fanno in modo che il pubblico sia catapultato all’interno del film, catturando le magnifiche viste del paesaggio della regione Zulu. Inoltre i due hanno un approccio molto delicato che aiuta ad umanizzare i personaggi, compreso il marito che nonostante inizialmente sia rappresentato come il cattivo della storia, viene poi trasformato in un personaggio pietoso e incapace di accettare la sua condizione di malato. Dall’altro lato il personaggio di Yesterday, altrettanto malata, è tutt’altro che una vittima, ma è forte e rifiuta di autocommiserarsi e va avanti finché può con determinazione.

IGCinema, Alt Film Guide

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Yesterday<\/b>‘, film del 2004, \u00e8 il primo girato e prodotto interamente in lingua Zulu<\/b> Il titolo riprende il nome della protagonista, Yesterday, una madre Zulu che vive con Beauty, la figlia di 7 anni, nel villaggio rurale di  Rooihoek nella regione Zulu in Sudafrica<\/b>.<\/p>

La protagonista rappresenta lo stereotipo di donna africana<\/b> che vive lavorando duramente nei campi, cercando al tempo stesso di mantenere la figlia occupata e stimolata. Un giorno beauty trova la madre collassata in casa e dopo che Yesterday si fa finalmente visitare da un dottore, scopre che \u00e8 malata di AIDS<\/b> e che probabilmente la colpa \u00e8 del marito che lavora in una miniera a Johannesburg. Sconvolta nel realizzare che presto la figlia rimarr\u00e0 da sola, decide di intraprendere un viaggio per andare dal marito, il quale per\u00f2 reagisce picchiandola brutalmente una volta appresa la notizia. Tornata a casa al villaggio, Yesterday continua la sua vita come meglio pu\u00f2 determinata a vedere sua figlia andare a scuola perch\u00e9 lei non ha mai potuto farlo. Qualche mese dopo, John, il marito, torna al villaggio profondamente debilitato dalla malattia e le chiede perdono prima di morire.  <\/span>Quando il dottore le dice che la donna ha un fisico forte capace di tenere la malattia sotto controllo, lei replica che non \u00e8 il fisico ad essere forte, bens\u00ec la sua mente.<\/span><\/p>

Attraverso questa pellicola, il regista Darrell Roodt<\/b> e il Michael Brierley<\/b> fanno in modo che il pubblico sia catapultato all’interno del film, catturando le magnifiche viste del paesaggio della regione Zulu. Inoltre i due hanno un approccio molto delicato che aiuta ad umanizzare i personaggi, compreso il marito che nonostante inizialmente sia rappresentato come il cattivo della storia, viene poi trasformato in un personaggio pietoso e incapace di accettare la sua condizione di malato. Dall’altro lato il personaggio di Yesterday, altrettanto malata, \u00e8 tutt’altro che una vittima, ma \u00e8 forte e rifiuta di autocommiserarsi e va avanti finch\u00e9 pu\u00f2 con determinazione.<\/span><\/p>

IGCinema<\/a>, Alt Film Guide<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

24 settembre 2020

Diamo i Numeri... Grazie a Voi!

SEMBRAVA IMPOSSIBILE, MA GRAZIE A VOI CI STIAMO RIUSCENDO! Da qualche mese abbiamo lanciato il nuovo progetto per aiutare le famiglie che vivono negli slum, ridotte alla fame dalle conseguenze … Continua

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

× Come possiamo aiutarti?