News e Comunicazioni

La WHO non usa giri di parole: “L’infezione avanza a velocità incontrollabile”. Interviene anche Obama: “Questo virus è qualcosa da prendere molto sul serio. Non si tratta di una malattia facilmente trasmissibile ma bisogna identificare, mettere in quarantena e isolare chi può trasmetterla”. L’inadeguatezza delle forze schierate mista alla paura per un contagio globale ha messo in moto la macchina dei soccorsi internazionali: un piano da $100 milioni, un appuntamento per il 6 agosto tra la direttrice della WHO e i rappresentanti dei paesi africani fiaccati soprattutto dalla siccità e a settembre negli Stati Uniti inizieranno i test clinici per un vaccino sperimentale contro Ebola.

Quando Ebola ha raggiunto il distretto di Kailahun nella regione orientale della Sierra Leone alla fine dello scorso maggio, il Governo ha pubblicato una serie di messaggi che spiegavano alla popolazione come riconoscere ed evitare la malattia, ma solo pochi li hanno presi in considerazione. Infatti, alla base c’è un problema di totale mancanza di fiducia nei confronti del governo che si è sempre dimostrato inadeguato e profondamente corrotto al punto tale che circolano voci che siano le agenzie di soccorso e il governo stesso a diffondere il virus con lo scopo di far arrivare fondi internazionali.

Ma questo virus uccide. Finora sono stati confermati più di 1200 casi di infettati solo in Africa occidentale. E’ un virus che uccide fino al 90% degli infetti, il restante 10% che sopravvive non riesce a raccontare ciò che ha vissuto ma è consapevole di avercela fatta. Non c’è vaccino o cura conosciuta per curare gli infetti, se non un siero sperimentale ottenuto dal sangue di un ragazzo sopravvissuto che aumenta la difesa immunitaria donando una speranza.

EconomistIl Messaggero, il Fatto Quotidiano

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

La WHO<\/b> non usa giri di parole: \u201cL\u2019infezione avanza a velocit\u00e0 incontrollabile<\/i>\u201d. Interviene anche Obam<\/b>a: \u201cQuesto virus \u00e8 qualcosa da prendere molto sul serio. Non si tratta di una malattia facilmente trasmissibile ma bisogna identificare, mettere in quarantena e isolare chi pu\u00f2 trasmetterla<\/i>\u201d. L’inadeguatezza delle forze schierate mista alla paura<\/b> per un contagio globale ha messo in moto la macchina dei soccorsi internazionali<\/b>: un piano da $100 milioni, un appuntamento per il 6 agosto tra la direttrice della WHO e i rappresentanti dei paesi africani fiaccati soprattutto dalla siccit\u00e0 e a settembre negli Stati Uniti inizieranno i test clinici per un vaccino sperimentale contro Ebola<\/b>.<\/span>
<\/p>

Quando Ebola ha raggiunto il distretto di Kailahun<\/b> nella regione orientale della Sierra Leone<\/b> alla fine dello scorso maggio, il Governo ha pubblicato una serie di messaggi che spiegavano alla popolazione come riconoscere ed evitare la malattia, ma solo pochi li hanno presi in considerazione. Infatti, alla base c’\u00e8 un problema di totale mancanza di fiducia nei confronti del governo che si \u00e8 sempre dimostrato inadeguato e profondamente corrotto al punto tale che circolano voci che siano le agenzie di soccorso e il governo stesso a diffondere il virus con lo scopo di far arrivare fondi internazionali.<\/p>

Ma questo virus uccide. Finora sono stati confermati pi\u00f9 di 1200 casi di infettati<\/b> solo in Africa occidentale. E’ un virus che uccide fino al 90% degli infetti, il restante 10% che sopravvive non riesce a raccontare ci\u00f2 che ha vissuto ma \u00e8 consapevole di avercela fatta. Non c\u2019\u00e8 vaccino o cura conosciuta per curare gli infetti, se non un siero sperimentale ottenuto dal sangue di un ragazzo sopravvissuto che aumenta la difesa immunitaria donando una speranza.<\/p>

Economist<\/a>, Il Messaggero<\/a>, <\/span>il Fatto Quotidiano<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua