News e Comunicazioni

La Giornata Mondiale in Ricordo della Tratta degli Schiavi e della Sua Abolizione è stata celebrata per la prima volta nel 1998 con l’intento di commemorare chi ha lavorato duramente per abolire la schiavitù e la tratta degli schiavi in tutto il mondo.

La data è stata scelta perché nella notte tra il 22 e il 23 agosto 1791 iniziò la ribellione degli schiavi di Santo Domingo (ora Haiti) guidati da Toussaint Louverture che indebolì il sistema coloniale caraibico portando all’indipendenza dell’isola marcandone anche l’abolizione del sistema della schiavitù. Sebbene la cifra totale sia ancora incerta, si stima che per oltre quattro secoli più di 15 milioni di uomini, donne e bambini siano stati vittime della tragedia della tratta degli schiavi, uno dei capitoli più scuri della storia umana. Non a caso, il tema di quest’anno è “Vittoria sulla Schiavitù: Haiti e oltre”. Il 2014 segna anche il ventesimo anniversario del progetto UNESCO “Slave Route Project” (Progetto Rotte degli Schiavi –), lanciato nel 1994 in Benin per rompere il silenzio che circondava la questione della tratta degli schiavi.

Questo esercizio di memoria è fondamentale, non solo per richiamare un dramma a lungo occultato o sconosciuto, ma per ricordare a noi e alle giovani generazioni come l’economia mondiale e i luoghi dove essa si è sviluppata affondino le loro radici sullo sfruttamento e sulla tratta degli esseri umani. Infatti, nonostante l’art. 5 della Carta dei Diritti dell’Uomo vieti espressamente il traffico di esseri umani, esso miete ogni anno circa 700.000 vittime. In Kenya e lungo tutta la costa dell’Africa orientale e della costa meridionale della Penisola Arabica esiste un tipo di schiavitù chiamato con il termine Swahili Aya’ attraverso il quale bambine o giovani donne provenienti dalle campagne vengono assunte da famiglie di città, dove devono lavorare senza orario o altri diritti per una paga minima cibo e alloggio. Queste persone subiscono spesso abusi sessuali senza diritto di protesta. E a volte perdono la vita proprio per mano dei loro ‘padroni’.

UNESCOLa Repubblica

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

La Giornata Mondiale in Ricordo della Tratta degli Schiavi e della Sua Abolizione<\/b> \u00e8 stata celebrata per la prima volta nel 1998 con l\u2019intento di commemorare chi ha lavorato duramente per abolire la schiavit\u00f9 e la tratta degli schiavi in tutto il mondo.<\/span>
<\/p>

La data \u00e8 stata scelta perch\u00e9 nella notte tra il 22 e il 23 agosto 1791 inizi\u00f2 la ribellione degli schiavi di Santo Domingo (ora Haiti<\/b>) guidati da Toussaint Louverture che indebol\u00ec il sistema coloniale caraibico portando all\u2019indipendenza dell\u2019isola marcandone anche l\u2019abolizione del sistema della schiavit\u00f9. Sebbene la cifra totale sia ancora incerta, si stima che per oltre quattro secoli pi\u00f9 di 15 milioni di uomini, donne e bambini siano stati vittime della tragedia della tratta degli schiavi, uno dei capitoli pi\u00f9 scuri della storia umana. Non a caso, il tema di quest\u2019anno \u00e8 \u201cVittoria sulla Schiavit\u00f9: Haiti e oltre<\/i>\u201d. Il 2014 segna anche il ventesimo anniversario del progetto UNESCO<\/b> \u201cSlave Route Project\u201d (Progetto Rotte degli Schiavi \u2013), lanciato nel 1994 in Benin per rompere il silenzio che circondava la questione della tratta degli schiavi.<\/p>

Questo esercizio di memoria \u00e8 fondamentale, non solo per richiamare un dramma a lungo occultato o sconosciuto, ma per ricordare a noi e alle giovani generazioni come l’economia mondiale e i luoghi dove essa si \u00e8 sviluppata affondino le loro radici sullo sfruttamento e sulla tratta degli esseri umani. Infatti, nonostante l\u2019art. 5 della Carta dei Diritti dell’Uomo vieti espressamente il traffico di esseri umani, esso miete ogni anno circa 700.000 vittime. In Kenya<\/b> e lungo tutta la costa dell\u2019Africa orientale e della costa meridionale della Penisola Arabica esiste un tipo di schiavit\u00f9 chiamato con il termine Swahili <\/b>\u2018Aya<\/i>\u2019 attraverso il quale bambine o giovani donne provenienti dalle campagne vengono assunte da famiglie di citt\u00e0, dove devono lavorare senza orario o altri diritti per una paga minima cibo e alloggio. Queste persone subiscono spesso abusi sessuali senza diritto di protesta. E a volte perdono la vita proprio per mano dei loro \u2018padroni\u2019.<\/p>

UNESCO<\/a>, La Repubblica<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?