News e Comunicazioni

Occultismo e pratiche religiose perpetrate dagli stregoni in Tanzania e Kenya, in particolare, negli ultimi anni stanno generando grande paura tra la popolazione albina della regione orientale dell’Africa. L’albinismo è una condizione socialmente limitante, ma al tempo stesso è associata con particolari poteri mistici che hanno reso gli albini obiettivi ghiotti di trafficanti di essere umani che li trattano come prede e li rivendono agli stregoni per i loro rituali. Gli stregoni delle regioni remote della Tanzania Nord-occidentale quali Mwanza e Shinyanga sostengono che possedere parti del corpo di un albino, porti grande fortuna a chi li possiede. Su questa falsa riga, i pescatori della zona del Lago Vittoria credono che tessere nelle loro reti dei capelli di persone albine possa attirare più pesci. O peggio ancora, la credenza che avere rapporti sessuali con bambine albine possa curare dall’HIV/AIDS.

L’improvviso aumento di decessi e rapimenti tra i portatori di albinismo, ha attirato l’attenzione anche delle autorità religiose del Kenya, paese dove i cittadini con questa condizione genetica temono sempre più per la loro vita, incitando le loro congreghe ad ignorare tali credenze e che gli albini sono persone normali come tutte le altre. Da tempo l’Albinism Society of Kenya (ASK) cerca di ottenere dal governo kenyota e tanzaniano maggiore attenzione verso questo problema e un rinforzo della sicurezza e delle leggi che scoraggino definitivamente le violenze in nome di false credenze che richiedono parti del corpo degli albini. L’assenza di una linea dura nei confronti dei trafficanti ha dato loro maggior sicurezza nel perpetrare i loro attacchi e rapimenti. L’ASK richiede anche leggi che garantiscano diritti sociali, politici ed economici alla popolazione albina in modo tale che anche loro possano vivere una vita normale.

The Media ProjectSabahionline, AllAfrica 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Occultismo<\/b> e pratiche religiose perpetrate dagli stregoni in Tanzania<\/b> e Kenya<\/b>, in particolare, negli ultimi anni stanno generando grande paura tra la popolazione albina della regione orientale dell\u2019Africa. L\u2019albinismo \u00e8 una condizione socialmente limitante, ma al tempo stesso \u00e8 associata con particolari poteri mistici che hanno reso gli albini obiettivi ghiotti di trafficanti di essere umani che li trattano come prede e li rivendono agli stregoni per i loro rituali. <\/span>Gli stregoni delle regioni remote della Tanzania Nord-occidentale quali <\/span>Mwanza<\/b> e <\/span>Shinyanga<\/b> sostengono che possedere parti del corpo di un albino, porti grande fortuna a chi li possiede. Su questa falsa riga, i pescatori della zona del Lago Vittoria credono che tessere nelle loro reti dei capelli di persone albine possa attirare pi\u00f9 pesci. O peggio ancora, la credenza che avere rapporti sessuali con bambine albine possa curare dall’HIV\/AIDS.<\/span><\/p>

L\u2019improvviso aumento di decessi e rapimenti tra i portatori di albinismo<\/b>, ha attirato l\u2019attenzione anche delle autorit\u00e0 religiose del Kenya, paese dove i cittadini con questa condizione genetica temono sempre pi\u00f9 per la loro vita, incitando le loro congreghe ad ignorare tali credenze e che gli albini sono persone normali come tutte le altre. Da tempo l\u2019Albinism Society of Kenya (ASK)<\/b> cerca di ottenere dal governo kenyota e tanzaniano maggiore attenzione verso questo problema e un rinforzo della sicurezza e delle leggi che scoraggino definitivamente le violenze in nome di false credenze che richiedono parti del corpo degli albini. L\u2019assenza di una linea dura nei confronti dei trafficanti ha dato loro maggior sicurezza nel perpetrare i loro attacchi e rapimenti. L\u2019ASK richiede anche leggi che garantiscano diritti sociali, politici ed economici alla popolazione albina in modo tale che anche loro possano vivere una vita normale.<\/span><\/p>

The Media Project<\/a>, Sabahionline<\/a>, AllAfrica<\/a> <\/span><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?