News e Comunicazioni

Di’ che sei uno di loro’ è una raccolta di cinque storie scritte da Uwem Akpan, un giovane sacerdote gesuita nigeriano dalla vita singolare: prima insegnante, poi ha lavorato in un lebbrosario, ha suonato il banjo, fatto il DJ, lavorato con i ragazzini di strada in Tanzania e a Chicago per tornare infine in Africa ad insegnare e aiutare chi ha bisogno. 

Questo libro mescola il racconto della realtà brutale dell’Africa di oggi con una capacità di rendere in uno stile in cui si scava nel dettaglio, si colora anche di comicità, una realtà che nella sua incredibile verità finisce per arrivare ai nostri occhi come ‘surrealtà’, grazie al fatto che le voci narranti sono tutti bambini le cui storie sono ambientate in Kenya, Nigeria, Etiopia, Niger e Rwanda. Questi nella loro purezza, sono disposti a vedere il bene ovunque: anche se a Nairobi una ragazzina di 12 anni si prostituisce con l’assenso dei genitori, anche se sono figli di malati di AIDS e lo zio sta per venderli come schiavi, o se si tratta di due ragazzine etiopi separate brutalmente per l’odio religioso che divide i genitori. È agghiacciante veder costruito il meccanismo perfido attraverso cui un adulto si impadronisce con qualche moina delle loro candide menti.

Non sono racconti di impegno umanitario, non c’è nulla di consolatorio, ma non c’è nulla di provocatorio. Akpan riesce a comunicare l’idea che l’Africa è un groviglio di contraddizioni di un paese che non è solo quello che vediamo nelle discariche e negli slum, ma esiste un’Africa che lavora, che è anche benestante, così come esiste un’Africa che vive con sconvolgente normalità la possibilità di  prostituirsi a tempo pieno.

Veloce, asciutto, ironico, ma anche preciso, accorato, che, senza concedere nulla al sentimentalismo, lascia un senso di impotente angoscia.

Il Mio Libro Blog Mario de Santis 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

\u2018Di\u2019 che sei uno di loro<\/i>\u2019 \u00e8 una raccolta di cinque storie scritte da Uwem Akpan<\/b>, un giovane sacerdote gesuita nigeriano dalla vita singolare: prima insegnante, poi ha lavorato in un lebbrosario, ha suonato il banjo, fatto il DJ, lavorato con i ragazzini di strada in Tanzania e a Chicago per tornare infine in Africa ad insegnare e aiutare chi ha bisogno. <\/span>
<\/p>

Questo libro mescola il racconto della realt\u00e0 brutale dell\u2019Africa<\/b> di oggi con una capacit\u00e0 di rendere in uno stile in cui si scava nel dettaglio, si colora anche di comicit\u00e0, una realt\u00e0 che nella sua incredibile verit\u00e0 finisce per arrivare ai nostri occhi come \u2018surrealt\u00e0\u2019, grazie al fatto che le voci narranti sono tutti bambini<\/b> le cui storie sono ambientate in Kenya<\/b>, Nigeria<\/b>, Etiopia<\/b>, Niger<\/b> e Rwanda<\/b>. Questi nella loro purezza, sono disposti a vedere il bene ovunque: anche se a Nairobi una ragazzina di 12 anni si prostituisce<\/b> con l’assenso dei genitori, anche se sono figli di malati di AIDS<\/b> e lo zio sta per venderli come schiavi, o se si tratta di due ragazzine etiopi separate brutalmente per l’odio religioso<\/b> che divide i genitori. \u00c8 agghiacciante veder costruito il meccanismo perfido attraverso cui un adulto si impadronisce con qualche moina delle loro candide menti.<\/p>

Non sono racconti di impegno umanitario, non c\u2019\u00e8 nulla di consolatorio, ma non c\u2019\u00e8 nulla di provocatorio. Akpan riesce a comunicare l\u2019idea che l\u2019Africa \u00e8 un groviglio di contraddizioni<\/b> di un paese che non \u00e8 solo quello che vediamo nelle discariche e negli slum, ma esiste un\u2019Africa che lavora, che \u00e8 anche benestante, cos\u00ec come esiste un\u2019Africa che vive con sconvolgente normalit\u00e0 la possibilit\u00e0 di  prostituirsi a tempo pieno.<\/p>

Veloce, asciutto, ironico, ma anche preciso, accorato, che, senza concedere nulla al sentimentalismo, lascia un senso di impotente angoscia.<\/p>

Il Mio Libro<\/a> <\/span>, Blog Mario de Santis<\/a> <\/span><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?