News e Comunicazioni

Il ragazzo che catturò il vento” racconta la storia vera di William Kamkwamba un giovane malawiano – ora ventisettenne ma quattordicenne all’epoca dei fatti – che grazie al suo ingegno e alla sua voglia di cambiare le sorti del suo villaggio stremato da fame e carestia, aguzza il suo ingegno e decide di catturare ciò che invece c’è in abbondanza in Malawi, il vento, per creare energia, acqua e luce. In poche parole, per ridare vita al suo villaggio e alla sua gente.

William Inizia a studiare libri di fisica – in particolare un libro intitolato “Using Energy” – si prende del matto – “misala”, in lingua locale – da tutti gli abitanti del villaggio, anche dai suoi genitori, e iniziando a smanettare vecchie radioline, ciarpame, biciclette e parti di trattori vede poco a poco realizzarsi il suo sogno: un mulino a vento. Una prima macchina riuscirà ad azionare quattro lampadine, una seconda riuscirà ad azionare una pompa dell’acqua: ecco una soluzione alla siccità e alla carestia che incombono sul suo villaggio.

Presto la notizia della sua invenzione – Magetsi Mphepo (vento elettrico) – si diffonde oltre confine attraendo l’attenzione dei più grandi esperti del settore che permettono a William di riprende gli studi, entrando all’African Leadership Academy di Johannesburg e che lo invitano a tenere una presentazione alla TED Conference in Tanzania.

Un libro che mostra il potere della determinazione, della tenacia e del talento nelle situazioni più avverse. Ma non solo, un libro dai risvolti sociali, perché offre un quadro dei villaggi africani, del Malawi, della vita quotidiana della popolazione. Mostrando come vivono le famiglie e i villaggi, cosa mangiano, come si divertono i giovani e come studiano. Una storia di umiltà e di intelligenza che avvince, commuove e insegna: “non avrei mai dimenticato la lezione che avevo imparato. Se vuoi farcela, devi buttarti“.

Lifegate, Goodreads 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

\u201c<\/span>Il ragazzo che cattur\u00f2 il vento<\/b>\u201d racconta la storia vera di <\/span>William Kamkwamba<\/b> un giovane <\/span>malawiano \u2013 ora ventisettenne ma quattordicenne all’epoca dei fatti \u2013 che grazie al suo ingegno e alla sua voglia di cambiare le sorti del suo villaggio stremato da fame e carestia, aguzza il suo ingegno e decide di catturare ci\u00f2 che invece c\u2019\u00e8 in abbondanza in Malawi<\/b>, il vento, per creare energia, acqua e luce. In poche parole, per ridare vita al suo villaggio e alla sua gente.<\/span><\/span>
<\/p>

William Inizia a studiare libri di fisica<\/b> \u2013 in particolare un libro intitolato \”Using Energy<\/i>\” \u2013 si prende del matto \u2013 \u201cmisala<\/i>\u201d, in lingua locale \u2013 da tutti gli abitanti del villaggio, anche dai suoi genitori, e iniziando a smanettare vecchie radioline, ciarpame, biciclette e parti di trattori vede poco a poco realizzarsi il suo sogno: un mulino a vento<\/b>. Una prima macchina riuscir\u00e0 ad azionare quattro lampadine, una seconda riuscir\u00e0 ad azionare una pompa dell\u2019acqua: ecco una soluzione alla siccit\u00e0 e alla carestia che incombono sul suo villaggio.<\/p>

Presto la notizia della sua invenzione \u2013 Magetsi Mphepo<\/i> (vento elettrico) \u2013 si diffonde oltre confine attraendo l\u2019attenzione dei pi\u00f9 grandi esperti del settore che permettono a William di riprende gli studi, entrando all’African Leadership Academy di Johannesburg e che lo invitano a tenere una presentazione alla TED Conference<\/b> in Tanzania.<\/p>

Un libro che mostra il potere della determinazione<\/b>, della tenacia e del talento nelle situazioni pi\u00f9 avverse. Ma non solo, un libro dai risvolti sociali, perch\u00e9 offre un quadro dei villaggi africani, del Malawi, della vita quotidiana della popolazione. Mostrando come vivono le famiglie e i villaggi, cosa mangiano, come si divertono i giovani e come studiano. Una storia di umilt\u00e0 e di intelligenza che avvince, commuove e insegna: \”non avrei mai dimenticato la lezione che avevo imparato. Se vuoi farcela, devi buttarti<\/i>\”.<\/p>

Lifegate<\/a>, <\/span>Goodreads<\/a> <\/span><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua