News e Comunicazioni

Kibera è il secondo slum più grande, più denso e più povero dell’Africa (il primo è Soweto, in Sud Africa) e la sua popolazione supera i 200.000 abitanti, ma, nonostante sorga a 7Km dal centro della capitale, non si conosce il numero esatto a causa dell’indifferenza dei governi e dove i servizi sono arrivano se non a caro prezzo ed illegalmente. Kibera, però, è anche una comunità di persone che lotta ogni giorno per combattere problemi come la violenza sulle donne, la criminalità, l’educazione o l’HIV e che cerca di stimolare processi di cittadinanza attiva dal basso.

Joshua Ogure, coordinatore di Kibera News Network (KNN), gruppo di sette giovani reporter il cui lavoro è quello di produrre video e documentari su tutto quello che riguarda la vita nello slum di Kibera, racconta che spesso in seguito ad una telefonata di un amico o conoscente a proposito, corrono sul campo con la videocamera per far sì che lo slum visibile sul web.

Julius Ochieng è il direttore generale di Kibera Community Development Agenda (KCODA), una redazione giornalistica che produce l’unico giornale disponibile a Kibera: “generiamo un informazione nettamente opposta a quella dominante”. Uno dei loro obbiettivi è quello di monitorare i fondi statali e assicurare che i soldi vengano veramente investiti in opere pubbliche.

Nello slum, l’informazione circola anche via etere. Adam Hussein Ramadhan, fondatore di Pamoja FM, racconta che nonostante le difficoltà, è la stazione radio più ascoltata della zona dal 2006 e che nel tempo ha assunto un ruolo centrale per quanto riguarda la comunicazione di fatti di cronaca e notizie a Kibera. Infatti è trasmessa in Kiswahili raggiungendo così un’ampia porzione di popolazione che non parla inglese e arrivando là dove altri media non arrivano rompendo quel gap culturale che impedisce alle persone povere dello slum di accedere a uno dei più grandi diritti fondamentali, l’informazione.

Repubblica.it 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Kibera<\/b> \u00e8 il secondo slum pi\u00f9 grande, pi\u00f9 denso e pi\u00f9 povero dell’Africa (il primo \u00e8 Soweto, in Sud Africa) e la sua popolazione supera i 200.000 abitanti, ma, nonostante sorga a 7Km dal centro della capitale, non si conosce il numero esatto a causa dell’indifferenza dei governi e dove i servizi sono arrivano se non a caro prezzo ed illegalmente. Kibera, per\u00f2, \u00e8 anche una comunit\u00e0 di persone che lotta ogni giorno per combattere problemi come la violenza sulle donne, la criminalit\u00e0, l’educazione o l’HIV e che cerca di stimolare processi di cittadinanza attiva dal basso.<\/span>
<\/p>

Joshua Ogure, coordinatore di Kibera News Network (KNN)<\/b>, gruppo di sette giovani reporter il cui lavoro \u00e8 quello di produrre video e documentari su tutto quello che riguarda la vita nello slum di Kibera, racconta che spesso in seguito ad una telefonata di un amico o conoscente a proposito, corrono sul campo con la videocamera per far s\u00ec che lo slum visibile sul web.<\/p>

Julius Ochieng \u00e8 il direttore generale di Kibera Community Development Agenda (KCODA)<\/b>, una redazione giornalistica che produce l’unico giornale disponibile a Kibera: \”generiamo un informazione nettamente opposta a quella dominante<\/i>\u201d. Uno dei loro obbiettivi \u00e8 quello di monitorare i fondi statali e assicurare che i soldi vengano veramente investiti in opere pubbliche.<\/span><\/p>

Nello slum, l’informazione circola anche via etere. Adam Hussein Ramadhan, fondatore di Pamoja FM<\/b>, racconta che nonostante le difficolt\u00e0, \u00e8 la stazione radio pi\u00f9 ascoltata della zona dal 2006 e che nel tempo ha assunto un ruolo centrale per quanto riguarda la comunicazione di fatti di cronaca e notizie a Kibera. Infatti \u00e8 trasmessa in Kiswahili raggiungendo cos\u00ec un’ampia porzione di popolazione che non parla inglese e arrivando l\u00e0 dove altri media non arrivano rompendo quel gap culturale che impedisce alle persone povere dello slum di accedere a uno dei pi\u00f9 grandi diritti fondamentali, l’informazione.<\/p>

Repubblica.it<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua