News e Comunicazioni

Kibera è il secondo slum più grande, più denso e più povero dell’Africa (il primo è Soweto, in Sud Africa) e la sua popolazione supera i 200.000 abitanti, ma, nonostante sorga a 7Km dal centro della capitale, non si conosce il numero esatto a causa dell’indifferenza dei governi e dove i servizi sono arrivano se non a caro prezzo ed illegalmente. Kibera, però, è anche una comunità di persone che lotta ogni giorno per combattere problemi come la violenza sulle donne, la criminalità, l’educazione o l’HIV e che cerca di stimolare processi di cittadinanza attiva dal basso.

Joshua Ogure, coordinatore di Kibera News Network (KNN), gruppo di sette giovani reporter il cui lavoro è quello di produrre video e documentari su tutto quello che riguarda la vita nello slum di Kibera, racconta che spesso in seguito ad una telefonata di un amico o conoscente a proposito, corrono sul campo con la videocamera per far sì che lo slum visibile sul web.

Julius Ochieng è il direttore generale di Kibera Community Development Agenda (KCODA), una redazione giornalistica che produce l’unico giornale disponibile a Kibera: “generiamo un informazione nettamente opposta a quella dominante”. Uno dei loro obbiettivi è quello di monitorare i fondi statali e assicurare che i soldi vengano veramente investiti in opere pubbliche.

Nello slum, l’informazione circola anche via etere. Adam Hussein Ramadhan, fondatore di Pamoja FM, racconta che nonostante le difficoltà, è la stazione radio più ascoltata della zona dal 2006 e che nel tempo ha assunto un ruolo centrale per quanto riguarda la comunicazione di fatti di cronaca e notizie a Kibera. Infatti è trasmessa in Kiswahili raggiungendo così un’ampia porzione di popolazione che non parla inglese e arrivando là dove altri media non arrivano rompendo quel gap culturale che impedisce alle persone povere dello slum di accedere a uno dei più grandi diritti fondamentali, l’informazione.

Repubblica.it 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Kibera<\/b> \u00e8 il secondo slum pi\u00f9 grande, pi\u00f9 denso e pi\u00f9 povero dell’Africa (il primo \u00e8 Soweto, in Sud Africa) e la sua popolazione supera i 200.000 abitanti, ma, nonostante sorga a 7Km dal centro della capitale, non si conosce il numero esatto a causa dell’indifferenza dei governi e dove i servizi sono arrivano se non a caro prezzo ed illegalmente. Kibera, per\u00f2, \u00e8 anche una comunit\u00e0 di persone che lotta ogni giorno per combattere problemi come la violenza sulle donne, la criminalit\u00e0, l’educazione o l’HIV e che cerca di stimolare processi di cittadinanza attiva dal basso.<\/span>
<\/p>

Joshua Ogure, coordinatore di Kibera News Network (KNN)<\/b>, gruppo di sette giovani reporter il cui lavoro \u00e8 quello di produrre video e documentari su tutto quello che riguarda la vita nello slum di Kibera, racconta che spesso in seguito ad una telefonata di un amico o conoscente a proposito, corrono sul campo con la videocamera per far s\u00ec che lo slum visibile sul web.<\/p>

Julius Ochieng \u00e8 il direttore generale di Kibera Community Development Agenda (KCODA)<\/b>, una redazione giornalistica che produce l’unico giornale disponibile a Kibera: \”generiamo un informazione nettamente opposta a quella dominante<\/i>\u201d. Uno dei loro obbiettivi \u00e8 quello di monitorare i fondi statali e assicurare che i soldi vengano veramente investiti in opere pubbliche.<\/span><\/p>

Nello slum, l’informazione circola anche via etere. Adam Hussein Ramadhan, fondatore di Pamoja FM<\/b>, racconta che nonostante le difficolt\u00e0, \u00e8 la stazione radio pi\u00f9 ascoltata della zona dal 2006 e che nel tempo ha assunto un ruolo centrale per quanto riguarda la comunicazione di fatti di cronaca e notizie a Kibera. Infatti \u00e8 trasmessa in Kiswahili raggiungendo cos\u00ec un’ampia porzione di popolazione che non parla inglese e arrivando l\u00e0 dove altri media non arrivano rompendo quel gap culturale che impedisce alle persone povere dello slum di accedere a uno dei pi\u00f9 grandi diritti fondamentali, l’informazione.<\/p>

Repubblica.it<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 dicembre 2020

Caterina e il Diritto allo Studio dei Nostri Bambini

“Il mio è un desiderio: sarebbe bellissimo che questi bimbi vivessero davvero protetti, che vivessero come bambini, nella leggerezza dell’infanzia”. Quando per la prima volta nel 2007 abbiamo visitato la … Continua

30 novembre 2020

L'HIV non è Ancora Sconfitto

1,7 milioni di nuovi infetti, 690 mila morti e 38 milioni di persone che convivono con il virus. Non stiamo parlando di Covid-19 o di una nuova pandemia mondiale, ma … Continua

30 novembre 2020

Il 25 Novembre nello Slum

Il 2020 è stato un anno pieno di difficoltà, anche per la nostra associazione. Tuttavia, non solo non ci siamo fermati davanti ai mille ostacoli che abbiamo incontrato, ma abbiamo … Continua

× Come possiamo aiutarti?