News e Comunicazioni

il 2015 prevede la scadenza dei Millennium Development Goals (MDG) tra i quali, il numero 5 riguarda il miglioramento della salute materna. In questo senso, la Tanzania sta non sta progredendo sufficientemente alla svelta per poter garantire il diritto alla salute delle madri. La principale preoccupazione riguarda il tasso di mortalità materna durante il parto a causa della carenza di ostetriche o infermiere specializzate. Infatti, secondo il sondaggio più recente sulla salute demografica (2010), solo il 51% dei parti è assistito da personale competente e ci sono in media solo quattro ostetriche ogni 10mila pazienti in tutto il paese.

Lena Nchonchama, caposala presso il Biharamulo District Designated hospital (DDH) sa che le donne incinte e i neonati possono morire in ospedale: “nel reparto di maternità che supervisiono, lavoro con solo due infermiere specializzate. Spesso arrivano più di otto emergenze contemporaneamente, ma dobbiamo gestirle al meglio nonostante il numero ridotto di personale. Per questo, spesso ci affidiamo anche all’aiuto di assistenti che ricevono solo un training minimo sulle procedure del reparto, ma non come gestire le situazioni di emergenza”.

L’opinione generale concorda sul fatto che bisognerebbe dislocare un numero maggiore di ostetriche specializzate nei paesi più poveri per avere un forte impatto sul tasso di mortalità materna e infantile al momento del parto. Allo stesso tempo però bisogna tener presente che formare e aggiornare personale ostetrico in paesi in via di sviluppo è un concetto complesso e che necessita di idee specifiche per ogni contesto.

The Guardian 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

il 2015 prevede la scadenza dei Millennium Development Goals (MDG)<\/b> tra i quali, il numero 5 riguarda il miglioramento della salute materna. In questo senso, la Tanzania<\/b> sta non sta progredendo sufficientemente alla svelta per poter garantire il diritto alla salute delle madri. La principale preoccupazione riguarda il tasso di mortalit\u00e0 materna<\/b> durante il parto a causa della carenza di ostetriche o infermiere specializzate<\/b>. Infatti, secondo il sondaggio pi\u00f9 recente sulla salute demografica (2010), solo il 51% dei parti \u00e8 assistito da personale competente e ci sono in media solo quattro ostetriche ogni 10mila pazienti in tutto il paese.<\/span>
<\/p>

Lena Nchonchama, caposala presso il Biharamulo District Designated hospital (DDH) sa che le donne incinte e i neonati possono morire in ospedale: \u201cnel reparto di maternit\u00e0 che supervisiono, lavoro con solo due infermiere specializzate. Spesso arrivano pi\u00f9 di otto emergenze contemporaneamente, ma dobbiamo gestirle al meglio nonostante il numero ridotto di personale. Per questo, spesso ci affidiamo anche all’aiuto di assistenti che ricevono solo un training minimo sulle procedure del reparto, ma non come gestire le situazioni di emergenza<\/i>\u201d.<\/p>

L\u2019opinione generale concorda sul fatto che bisognerebbe dislocare un numero maggiore di ostetriche specializzate nei paesi pi\u00f9 poveri per avere un forte impatto sul tasso di mortalit\u00e0 materna e infantile al momento del parto. Allo stesso tempo per\u00f2 bisogna tener presente che formare e aggiornare personale ostetrico in paesi in via di sviluppo<\/b> \u00e8 un concetto complesso e che necessita di idee specifiche per ogni contesto.<\/p>

The Guardian<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

15 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Ai Piedi della Discarica: il Racconto di Arianna

Dandora è uno dei più di 100 slum di Nairobi. Un agglomerato di baracche e strade strette, dove vivono e si muovono migliaia di persone. A soli 7 chilometri dal … Continua

10 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Alla Scoperta di Rombo con Alessandra

“Tanti di loro erano scalzi, la divisa era ormai logorata dal tempo, ma i loro sorrisi e gli occhi illuminati da una luce che solo la savana e le distese … Continua

3 gennaio 2021

Le Novità del 2021

Il 2020 ha stravolto le vite di tutti noi, in un modo o nell’altro. Alcuni dei piani che avevamo riguardo i nostri progetti in Kenya e in Italia sono rimasti … Continua

× Come possiamo aiutarti?