News e Comunicazioni

Dal 2012, tramite una
risoluzione ONU è stato stabilito che, in coincidenza con la campagna di Plan ‘Because
I am a Girl
’, oggi sia osservata la ‘Giornata Internazionale delle Bambine’, il
cui scopo di promuovere i diritti umani delle bambine, evidenziare le
discriminazioni sessuali che permangono ancora tra maschi e femmine. Il tema di
quest’anno è “Empowering Adolescent Girls: Ending the Cycle of Violence” (Dare voce alle adolescenti: Fermare il ciclo della violenza–)
che intende enfatizzare il problema di numerose adolescenti nel mondo che
subiscono violenze tutti giorni senza che qualcuno dia loro adeguata protezione.

In Kenya la condizione delle
bambine è particolarmente difficile perchè I loro diritti umani continuano ad
essere violati. Prima tra tutte, permane la questione della Mutilazione
Genitale Femminile
che sebbene abbia un retaggio tradizionale e culturale,
compromette dei diritti fondamentali quali: il diritto al vita; il diritto all’integrità fisica; il diritto alla salute riproduttiva; il diritto alla libertà da abusi
mentali e fisici. Inoltre, indagini mostrano che rispetto
ai loro compagni maschi, le ragazze vengono discriminate maggiormente nel loro diritto allo studio venendo ritirate da scuola e senza riuscire a completare il ciclo di scuola primaria. Questo dato è dovuto al costante pregiudizio degli stessi genitori che preferiscono educare
i figli tenendo a casa le figlie, impedendo così lor di poter ottenere un ruolo
partecipativo nella comunità. 
Nel paese – in particolare dove la violenza e la povertà sono endemiche, come negli slums – si stima che le bambine coinvolte nel racket della prostituzione infantile siano numerose,
ma data la segretezza degli atti e la limitatezza dei mezzi a disposizione del
governo, è difficile rintracciarle per dar loro aiuto.

Quest’oggi su Twitter, utilizzando
l’hashtag #inDifesa potete spiegare i motivi per cui difendete le piccole
donne.

UNICEFInternazionaleIjhssnet

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Dal 2012, tramite una\nrisoluzione ONU \u00e8 stato stabilito che, in coincidenza con la campagna di Plan \u2018Because\nI am a Girl<\/b>\u2019, oggi sia osservata la \u2018Giornata Internazionale delle Bambine<\/b>\u2019, il\ncui scopo di promuovere i diritti umani delle bambine, evidenziare le\ndiscriminazioni sessuali<\/b> che permangono ancora tra maschi e femmine. Il tema di\nquest\u2019anno \u00e8 \”Empowering Adolescent Girls: Ending the Cycle of Violence<\/i>\” (Dare voce alle adolescenti: Fermare il ciclo della violenza\u2013)\nche intende enfatizzare il problema di numerose adolescenti nel mondo che\nsubiscono violenze tutti giorni senza che qualcuno dia loro adeguata protezione.<\/span>
<\/p>

In Kenya<\/b> la condizione delle\nbambine \u00e8 particolarmente difficile perch\u00e8 I loro diritti umani<\/b> continuano ad\nessere violati. Prima tra tutte, permane la questione della Mutilazione\nGenitale Femminile<\/b> che sebbene abbia un retaggio tradizionale e culturale,\ncompromette dei diritti fondamentali quali: il diritto al vita; il diritto all’integrit\u00e0 fisica; il diritto alla salute riproduttiva; il diritto alla libert\u00e0 da abusi\nmentali e fisici. Inoltre, indagini mostrano che rispetto\nai loro compagni maschi, le ragazze vengono discriminate maggiormente nel loro diritto allo studio<\/b> venendo ritirate da scuola e senza riuscire a completare il ciclo di scuola primaria. Questo dato \u00e8 dovuto al costante pregiudizio degli stessi genitori che preferiscono educare\ni figli tenendo a casa le figlie, impedendo cos\u00ec lor di poter ottenere un ruolo\npartecipativo nella comunit\u00e0. <\/span>Nel paese – in particolare dove la violenza e la povert\u00e0 sono endemiche, come negli slums<\/b> – si stima che le bambine coinvolte nel racket della prostituzione infantile<\/b> siano numerose,\nma data la segretezza degli atti e la limitatezza dei mezzi a disposizione del\ngoverno, \u00e8 difficile rintracciarle per dar loro aiuto.<\/span><\/p>

Quest\u2019oggi su Twitter<\/b>, utilizzando\nl\u2019hashtag #inDifesa<\/b> potete spiegare i motivi per cui difendete le piccole\ndonne.<\/p>

\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n<\/p>

UNICEF<\/a>, Internazionale<\/a>, Ijhssnet<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Un viaggio nella baraccopoli di Korogocho

La baraccopoli di Korogocho è una tra le più grandi e popolose di Nairobi. È qui che siamo approdati più di dieci anni fa nel nostro primo viaggio alla scoperta … Continua

15 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Ai Piedi della Discarica: il Racconto di Arianna

Dandora è uno dei più di 100 slum di Nairobi. Un agglomerato di baracche e strade strette, dove vivono e si muovono migliaia di persone. A soli 7 chilometri dal … Continua

10 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Alla Scoperta di Rombo con Alessandra

“Tanti di loro erano scalzi, la divisa era ormai logorata dal tempo, ma i loro sorrisi e gli occhi illuminati da una luce che solo la savana e le distese … Continua

× Come possiamo aiutarti?