News e Comunicazioni

Un linguaggio civile, quando si parla d’immigrazione”: è questo il primo obiettivo culturale indicato da Marco Giorgi, direttore dell’UNAR (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali del dipartimento per le Pari opportunità), commentando le commemorazioni di Lampedusa di settimana scorsa. “Commemorazioni – osserva Giorgi – caratterizzate anche da qualche protesta, da cui abbiamo capito che occorre un dibattito sereno ed equilibrato sul tema dell’immigrazione, partendo proprio dall’uso di un linguaggio civile per chiunque si avvicini a questi temi. Bisogna lavorare sempre di più – ha aggiunto – per la promozione della Carta di Roma, il codice deontologico sul linguaggio usato dal mondo del giornalismo, qualche volta carico di pregiudizi e stereotipi nei confronti dei richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti“.

De Giorgi ha quindi ricordato “un dato importante da evidenziare, che risalta dal monitoraggio del Contact center dell’UNAR: l’aumento delle denunce per discriminazione etnico-razziale nell’ambito dei media. Il 34,2% delle oltre 1.500 segnalazioni nel 2013. Di queste, il 62,3% riguarda internet, quindi, quasi due discriminazioni su tre avvengono mediante o all’interno della rete. Il linguaggio usato nella rete internet – ha detto ancora – diventa sempre più spesso uno spazio, dove prendono piede comportamenti apertamente discriminatori e molestie. Problemi come quelli dell’hate speech online e del cyber-bullismo sono la nuova frontiera del razzismo con cui dobbiamo fare i conti. La rete rappresenta un nuovo e importante fronte d’intervento dell’UNAR rispetto al quale è necessario sviluppare strategie di sensibilizzazione verso gli utenti dei nuovi media e di tutela specifica verso le vittime di discriminazione.

Redattore Sociale 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

\”Un linguaggio civile, quando si parla d\u2019immigrazione<\/i>\u201d: \u00e8 questo il primo obiettivo culturale indicato da Marco Giorgi, direttore dell\u2019UNAR<\/b> (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali del dipartimento per le Pari opportunit\u00e0), commentando le commemorazioni di Lampedusa di settimana scorsa. \u201cCommemorazioni<\/i> \u2013 osserva Giorgi – caratterizzate anche da qualche protesta, da cui abbiamo capito che occorre un dibattito sereno ed equilibrato sul tema dell’immigrazione, partendo proprio dall’uso di un linguaggio civile per chiunque si avvicini a questi temi. Bisogna lavorare sempre di pi\u00f9<\/i> – ha aggiunto – per la promozione della Carta di Roma<\/b>, il codice deontologico sul linguaggio usato dal mondo del giornalismo, qualche volta carico di pregiudizi e stereotipi nei confronti dei richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti<\/i>\”.<\/span>
<\/p>

De Giorgi ha quindi ricordato \”un dato importante da evidenziare, che risalta dal monitoraggio del Contact center dell’UNAR: l’aumento delle denunce per discriminazione etnico-razziale<\/b> nell’ambito dei media. Il 34,2% delle oltre 1.500 segnalazioni nel 2013. Di queste, il 62,3% riguarda internet, quindi, quasi due discriminazioni su tre avvengono mediante o all’interno della rete. Il linguaggio usato nella rete internet<\/i> \u2013 ha detto ancora – diventa sempre pi\u00f9 spesso uno spazio, dove prendono piede comportamenti apertamente discriminatori e molestie. Problemi come quelli dell’hate speech online e del cyber-bullismo sono la nuova frontiera del razzismo con cui dobbiamo fare i conti. La rete<\/b> rappresenta un nuovo e importante fronte d\u2019intervento dell’UNAR rispetto al quale \u00e8 necessario sviluppare strategie di sensibilizzazione verso gli utenti dei nuovi media e di tutela specifica verso le vittime di discriminazione.<\/i>\”<\/p>

Redattore Sociale<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

24 settembre 2020

Diamo i Numeri... Grazie a Voi!

SEMBRAVA IMPOSSIBILE, MA GRAZIE A VOI CI STIAMO RIUSCENDO! Da qualche mese abbiamo lanciato il nuovo progetto per aiutare le famiglie che vivono negli slum, ridotte alla fame dalle conseguenze … Continua

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

× Come possiamo aiutarti?