News e Comunicazioni

Quando nel 2012 i militanti islamici presero il controllo del nord del Mali e della città di Timbuktu in particolare, resero la musica illegale. Le punizioni per essere trovati a suonare o ascoltare musica consistevano nella tortura pubblica, il carcere o peggio. Per questo motivo, Aliou Toure e altri amici musicisti sentirono di non avere altra scelta che abbandonare le loro case e trasferirsi nella capitale Bamako, a sud del paese. “Non avevamo idea che un giorno ci sarebbe stato proibito di suonare la nostra musica, perché la musica è universale” – dice Aliou Toure, “è come se ci avessero proibito di vedere la donna che amiamo.

Ma una volta a Bamako, la situazione non era troppo diversa: fazioni armate che lottavano tra di loro, grida e spari di continuo. Con il desiderio di non soccombere alle conseguenze della crisi nazionale, ma anzi di risollevare il morale degli altri rifugiati, che come loro si erano lasciati dietro i loro cari, decisero di far rivivere le atmosfere di casa loro attraverso la musica tipica del Nord. Nacquero così i Songhoy Blues, una band che rappresenta l’etnia maliana dei Songhoy ma che affonda le radici nella tradizione blues e che allunga la mano ai ‘cugini’ americani.

Non si fecero fermare dalla burocrazia che imponeva loro di richiedere un permesso per suonare, continuarono a sperare e questa speranza è stata esaudita iniziando una collaborazione con il musicista inglese Damon Albarn e venendo poi invitati a suonare a Londra con gli Africa Express, un gruppo che riuniva musicisti internazionali. Lì si resero conto che nessuno gli avrebbe più impedito di suonare zittendoli con minacce di violenza.

BBC

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Quando nel 2012 i militanti islamici<\/b> presero il controllo del nord del Mali<\/b> e della citt\u00e0 di Timbuktu in particolare, resero la musica illegale. Le punizioni per essere trovati a suonare o ascoltare musica consistevano nella tortura pubblica, il carcere o peggio. Per questo motivo, Aliou Toure<\/b> e altri amici musicisti sentirono di non avere altra scelta che abbandonare le loro case e trasferirsi nella capitale Bamako, a sud del paese. \u201cNon avevamo idea che un giorno ci sarebbe stato proibito di suonare la nostra musica, perch\u00e9 la musica \u00e8 universale<\/i>\u201d \u2013 dice Aliou Toure, \u201c\u00e8 come se ci avessero proibito di vedere la donna che amiamo.<\/i>\u201d<\/span>
<\/p>

Ma una volta a Bamako, la situazione non era troppo diversa: fazioni armate che lottavano tra di loro, grida e spari di continuo. Con il desiderio di non soccombere alle conseguenze della crisi nazionale, ma anzi di risollevare il morale degli altri rifugiati, che come loro si erano lasciati dietro i loro cari, decisero di far rivivere le atmosfere di casa loro attraverso la musica tipica del Nord. Nacquero cos\u00ec i Songhoy Blues<\/b>, una band che rappresenta l\u2019etnia maliana dei Songhoy ma che affonda le radici nella tradizione blues e che allunga la mano ai \u2018cugini\u2019 americani.<\/p>

Non si fecero fermare dalla burocrazia che imponeva loro di richiedere un permesso per suonare, continuarono a sperare e questa speranza \u00e8 stata esaudita iniziando una collaborazione con il musicista inglese Damon Albarn<\/b> e venendo poi invitati a suonare a Londra con gli Africa Express<\/b>, un gruppo che riuniva musicisti internazionali. L\u00ec si resero conto che nessuno gli avrebbe pi\u00f9 impedito di suonare zittendoli con minacce di violenza.<\/p>

BBC<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

24 settembre 2020

Diamo i Numeri... Grazie a Voi!

SEMBRAVA IMPOSSIBILE, MA GRAZIE A VOI CI STIAMO RIUSCENDO! Da qualche mese abbiamo lanciato il nuovo progetto per aiutare le famiglie che vivono negli slum, ridotte alla fame dalle conseguenze … Continua

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

× Come possiamo aiutarti?