News e Comunicazioni

In Mauritania la schiavitù è ancora una realtà. In questo paese poverissimo di tre milioni e mezzo di abitanti, si calcola che siano almeno 700mila (il 20% della popolazione) le persone costrette a vivere alle dipendenze di un padrone. Essere schiavi in Mauritania significa, nascere schiavi, ovvero “proprietà del padrone che può comprarti, venderti e disporre come meglio crede di te e della tua prole“. La popolazione nera è in gran parte analfabeta e accetta la schiavitù come una condizione naturale voluta da Dio. “Servi il padrone e taci” spiega Brahim, ex-schiavo, membro dell’associazione Sos Esclaves che tenta di rendere consapevoli dei loro diritti gli schiavi.

Un segno di speranza è arrivato dalle ultime elezioni del giugno 2014. Sebbene le abbia vinte Mohamed Ould Abdel Aziz, che guida il Paese dal 2008 grazie a un golpe militare, ha stupito il 10% ottenuto da Biram Dah Abeid, un ex-schiavo abolizionista e leader dell’IRA (Initiative de Résurgence du mouvement Abolitionniste).

Nel 2012 è salito alla ribalta grazie ad un gesto eclatante: bruciò pubblicamente alcuni libri che indottrinavano gli schiavi ad essere fieri della loro condizione. Quel gesto gli costò la galera ma gli aprì la strada al favore di molti e all’attenzione nazionale e internazionale. Biram ha ottenuto una nomination al Premio Sacharov per i diritti umani. La candidatura alle elezioni doveva essere puramente simbolica e il risultato è apparso eccezionale anche allo stesso Biram visto che “gli schiavi non votano“. Ma la strada da percorrere per l’emancipazione degli schiavi mauritani è ancora molto lunga.

Redattore Sociale

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

In Mauritania<\/b> la schiavit\u00f9<\/b> \u00e8 ancora una realt\u00e0. In questo paese poverissimo di tre milioni e mezzo di abitanti, si calcola che siano almeno 700mila (il 20% della popolazione) le persone costrette a vivere alle dipendenze di un padrone. Essere schiavi in Mauritania significa, nascere schiavi, ovvero \”propriet\u00e0 del padrone che pu\u00f2 comprarti, venderti e disporre come meglio crede di te e della tua prole<\/i>\”. La popolazione nera \u00e8 in gran parte analfabeta e accetta la schiavit\u00f9 come una condizione naturale voluta da Dio. \”Servi il padrone e taci<\/i>\u201d spiega Brahim, ex-schiavo, membro dell’associazione Sos Esclaves<\/b> che tenta di rendere consapevoli dei loro diritti gli schiavi.<\/span>
<\/p>

Un segno di speranza \u00e8 arrivato dalle ultime elezioni del giugno 2014. Sebbene le abbia vinte Mohamed Ould Abdel Aziz, che guida il Paese dal 2008 grazie a un golpe militare, ha stupito il 10% ottenuto da Biram Dah Abeid<\/b>, un ex-schiavo abolizionista e leader dell’IRA<\/b> (Initiative de R\u00e9surgence du mouvement Abolitionniste).<\/p>

Nel 2012 \u00e8 salito alla ribalta grazie ad un gesto eclatante: bruci\u00f2 pubblicamente alcuni libri che indottrinavano gli schiavi ad essere fieri della loro condizione. Quel gesto gli cost\u00f2 la galera<\/b> ma gli apr\u00ec la strada al favore di molti e all’attenzione nazionale e internazionale. Biram ha ottenuto una nomination al Premio Sacharov per i diritti umani. La candidatura alle elezioni doveva essere puramente simbolica e il risultato \u00e8 apparso eccezionale anche allo stesso Biram visto che \”gli schiavi non votano<\/i>\”. Ma la strada da percorrere per l’emancipazione degli schiavi mauritani \u00e8 ancora molto lunga.<\/p>

Redattore Sociale<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua