News e Comunicazioni

Sorvolando la discarica di Mbeubeuss a nord di Dakar, Senegal, questa sembra un luogo innocuo di circa 175 ettari dove lavorano le persone in serenità. Osservandola da terra invece, Mbeubeuss è una distesa di colline contaminate da rifiuti maleodoranti, insetti, disseminata di incendi che emanano fumi tossici, e dove lavorano i circa 2500 residenti della piccola cittadina adiacente. La discarica a cielo aperto riflette il crescente consumismo del Senegal dovuto all’aumento del benessere nel paese e alla globalizzazione del commercio di rifiuti: dove un tempo venivano gettati tutti i rifiuti organici della zona, ora c’è una marea di rifiuti elettronici e  chimici.

Un recente studio sulle discariche del mondo ha identificato Mbeubeuss come una delle 50 più grandi del mondo. A contendersi il primato sono: Agbogbloshie dump ad Accra, Ghana, Awotan a Ibadan, Nigeria, Dandora a Nairobi, Kenya, Bantar Gebang tipBekasi, Indonesia e Deonar dump e Mumbai, India. Si è inoltre osservato che il 40% dei rifiuti globali, sono smaltiti in queste 50 discariche a cielo aperto, localizzate in prossimità di città che si stanno espandendo dei paesi in via di sviluppo – in particolare in Africa.

Secondo il team di esperti provenienti da 4 continenti, questi siti sono delle bombe a orologeria dai punti di vista della salute e dell’inquinamento. “le problematiche ambientali più comuni sono legate alla contaminazione dell’acqua, delle falde acquifere e del suolo. L’inquinamento aereo invece è dovuto agli incendi dei rifiuti direttamente in discarica che generano fumi altamente tossici. Inoltre tutti coloro che lavorano o vivono in prossimità dei siti riscontrano problemi di salute di tipi gastro-intestinale, dermatologico, respiratorio e genetico”. La crescita delle dumping site colpisce la salute di circa 60 milioni di persone nel mondo e non sono problemi meramente locali, ma costituiscono un rischio per la salute della comunità mondiale.

The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Sorvolando la discarica di Mbeubeuss a nord di Dakar, Senegal<\/b>, questa sembra un luogo innocuo di circa 175 ettari dove lavorano le persone in serenit\u00e0. Osservandola da terra invece, Mbeubeuss \u00e8 una distesa di colline contaminate da rifiuti maleodoranti, insetti, disseminata di incendi che emanano fumi tossici, e dove lavorano i circa 2500 residenti della piccola cittadina adiacente. La discarica a cielo aperto<\/b> riflette il crescente consumismo del Senegal dovuto all’aumento del benessere nel paese e alla globalizzazione del commercio di rifiuti: dove un tempo venivano gettati tutti i rifiuti organici della zona, ora c’\u00e8 una marea di rifiuti elettronici e  chimici.<\/p>

Un recente studio sulle discariche del mondo ha identificato Mbeubeuss come una delle 50 pi\u00f9 grandi del mondo. A contendersi il primato sono: Agbogbloshie dump<\/b> ad Accra, Ghana, Awotan<\/b> a Ibadan, Nigeria, Dandora<\/b> a Nairobi, Kenya, Bantar Gebang tip<\/b> a Bekasi, Indonesia<\/b> e Deonar dump<\/b> e Mumbai, India<\/b>. Si \u00e8 inoltre osservato che il 40% dei rifiuti globali, sono smaltiti in queste 50 discariche a cielo aperto, localizzate in prossimit\u00e0 di citt\u00e0 che si stanno espandendo dei paesi in via di sviluppo – in particolare in Africa<\/b>.<\/p>

Secondo il team di esperti provenienti da 4 continenti, questi siti sono delle bombe a orologeria dai punti di vista della salute<\/b> e dell\u2019inquinamento<\/b>. \u201cle problematiche ambientali pi\u00f9 comuni sono legate alla contaminazione dell\u2019acqua, delle falde acquifere e del suolo. L\u2019inquinamento aereo invece \u00e8 dovuto agli incendi dei rifiuti direttamente in discarica che generano fumi altamente tossici. Inoltre tutti coloro che lavorano o vivono in prossimit\u00e0 dei siti riscontrano problemi di salute di tipi gastro-intestinale, dermatologico, respiratorio e genetico<\/i>\u201d. La crescita delle dumping site colpisce la salute di circa 60 milioni di persone nel mondo e non sono problemi meramente locali, ma costituiscono un rischio per la salute della comunit\u00e0 mondiale<\/b>.<\/p>

The Guardian<\/a><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?