News e Comunicazioni

Dal 1999, ogni anno nella giornata di oggi viene osservata la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne, promossa dalla Nazioni Unite. La data è stata scelta per ricordare le sorelle Mirabal, tre attiviste politiche della Repubblica Dominicana brutalmente assassinate nel 1960 sotto la dittatura di Trujillo. Il 25 Novembre è inoltre l’inizio ufficiale della campagna “16 Days of Activism” contro la violenza di genere che si conclude il 10 Dicembre, Giornata Mondiale per i Diritti Umani.

Secondo le stime del 2013 della World Health Organization (WHO), la violenza fisica o sessuale colpisce più di un terzo delle donne nel mondo (35%), e quella domestica, inflitta dal partner, è la forma più comune (30%). L’area geografica dove le donne sono più a rischio è il Sud-est asiatico, (58,8%), seguito dai Paesi ad elevato reddito (41,2%), le Americhe (40,5%) e infine l’Africa (40,1%).

In Kenya, questa giornata sarà particolarmente sentita alla luce di un recente fatto di cronaca locale che ha colpito la società. L’11 Novembre, ad una donna sono stati strappati i vestiti di dosso in piena luce del giorno in un luogo pubblico in centro a Nairobi da un gruppo di uomini che hanno considerato il suo look inappropriato e hanno voluto impartirle una lezione di morale e pudore umiliandola pubblicamente. Uno degli uomini ha anche ripreso la scena senza aiutare la donna assalita, ma facendo anzi in modo che la donna fosse ripresa completamente nuda. Le proteste pubbliche a favore della donna assalita e di tutte le donne che come lei hanno subito abusi, non sono tardate ad arrivare. Migliaia di persone si sono ritrovate presso l’Uhuru Park a Nairobi, mostrando striscioni con lo slogan “My Dress, My Choice” (il mio vestito, la mia scelta –).

In questi giorni, in tutta Italia si stanno verificando iniziative di solidarietà verso le vittime di abuso; da Milano a Roma, da Napoli a Trieste e da Torino a Padova.

Rai NewsUNIb TimesDaily Nation 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Dal 1999, ogni anno nella giornata di oggi viene osservata la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne<\/b>, promossa dalla Nazioni Unite<\/b>. La data \u00e8 stata scelta per ricordare le sorelle Mirabal, tre attiviste politiche della Repubblica Dominicana brutalmente assassinate nel 1960 sotto la dittatura di Trujillo. Il 25 Novembre \u00e8 inoltre l\u2019inizio ufficiale della campagna \u201c16 Days of Activism<\/i>\u201d contro la violenza di genere che si conclude il 10 Dicembre, Giornata Mondiale per i Diritti Umani.<\/span>
<\/p>

Secondo le stime del 2013 della World Health Organization<\/b> (WHO), la violenza fisica o sessuale colpisce pi\u00f9 di un terzo delle donne nel mondo (35%), e quella domestica, inflitta dal partner, \u00e8 la forma pi\u00f9 comune (30%). L\u2019area geografica dove le donne sono pi\u00f9 a rischio \u00e8 il Sud-est asiatico, (58,8%), seguito dai Paesi ad elevato reddito (41,2%), le Americhe (40,5%) e infine l’Africa (40,1%).<\/p>

In Kenya<\/b>, questa giornata sar\u00e0 particolarmente sentita alla luce di un recente fatto di cronaca locale che ha colpito la societ\u00e0. L\u201911 Novembre, ad una donna sono stati strappati i vestiti di dosso in piena luce del giorno in un luogo pubblico in centro a Nairobi da un gruppo di uomini che hanno considerato il suo look inappropriato e hanno voluto impartirle una lezione di morale e pudore umiliandola pubblicamente. Uno degli uomini ha anche ripreso la scena senza aiutare la donna assalita, ma facendo anzi in modo che la donna fosse ripresa completamente nuda. Le proteste pubbliche a favore della donna assalita e di tutte le donne che come lei hanno subito abusi, non sono tardate ad arrivare. Migliaia di persone si sono ritrovate presso l\u2019Uhuru Park a Nairobi, mostrando striscioni con lo slogan \u201cMy Dress, My Choice<\/i>\u201d (il mio vestito, la mia scelta \u2013).<\/p>

In questi giorni, in tutta Italia<\/b> si stanno verificando iniziative di solidariet\u00e0 verso le vittime di abuso; da Milano a Roma, da Napoli a Trieste e da Torino a Padova.<\/p>

Rai News<\/a>, UN<\/a>, Ib Times<\/a>, Daily Nation<\/a> <\/span><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua