News e Comunicazioni

Dopo che negli ultimi due anni una dozzina di atleti kenyoti è finita nella rete dell’antidoping, tra cui la stella della maratona Rita Jeptoo (positiva all’epo), due volte regina a Chicago e tre a Boston, la federatletica di Nairobi (Athletics Kenya, AK) ha varato una decisa stretta in materia. Tutti gli allenatori, manager e sub-agenti degli atleti kenyoti dovranno essere registrati presso la AK e qualsiasi manager che abbia più di due atleti dopati sarà immediatamente bandito. Verrà anche messo in piedi un programma di test antidoping a sorpresa e nessuna gara che non preveda i controlli otterrà il nulla-osta della federazione. “Gli atleti saranno pagati solo dopo che sia stata accertata la loro pulizia” ha anticipato il presidente federale, Isaiah Kiplagat.

Di pari passo Kipchoge Keino, presidente del Comitato Olimpico Kenyota, incontrerà il ministro dello sport Hassan Wario per discutere una nuova legislazione antidoping che preveda il carcere per manager e allenatori che incoraggino pratiche dopanti.

Intanto il caso Jeptoo è stato discusso il 15 gennaio davanti dalla commissione medica e antidoping, dove sono stati chiamati a comparire anche il suo manager, il bresciano Federico Rosa, il coach Claudio Berardelli e l’ex marito Noah Busienei, che aveva dichiarato alla stampa come Rita si dopasse già da tre anni.

Corriere dello Sport 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Dopo che negli ultimi due anni una dozzina di atleti kenyoti \u00e8 finita nella rete dell\u2019antidoping<\/b>, tra cui la stella della maratona Rita Jeptoo<\/b> (positiva all\u2019epo), due volte regina a Chicago e tre a Boston, la federatletica di Nairobi (Athletics Kenya<\/b>, AK) ha varato una decisa stretta in materia. Tutti gli allenatori, manager e sub-agenti degli atleti kenyoti dovranno essere registrati presso la AK e qualsiasi manager che abbia pi\u00f9 di due atleti dopati sar\u00e0 immediatamente bandito. Verr\u00e0 anche messo in piedi un programma di test antidoping a sorpresa e nessuna gara che non preveda i controlli otterr\u00e0 il nulla-osta della federazione. \u201cGli atleti saranno pagati solo dopo che sia stata accertata la loro pulizia<\/i>\u201d ha anticipato il presidente federale, Isaiah Kiplagat<\/b>.<\/span>
<\/p>

Di pari passo Kipchoge Keino, presidente del Comitato Olimpico Kenyota, incontrer\u00e0 il ministro dello sport Hassan Wario per discutere una nuova legislazione antidoping che preveda il carcere per manager e allenatori che incoraggino pratiche dopanti.<\/p>

Intanto il caso Jeptoo \u00e8 stato discusso il 15 gennaio davanti dalla commissione medica e antidoping, dove sono stati chiamati a comparire anche il suo manager, il bresciano Federico Rosa, il coach Claudio Berardelli e l\u2019ex marito Noah Busienei, che aveva dichiarato alla stampa come Rita si dopasse gi\u00e0 da tre anni.<\/p>

Corriere dello Sport<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 dicembre 2020

Caterina e il Diritto allo Studio dei Nostri Bambini

“Il mio è un desiderio: sarebbe bellissimo che questi bimbi vivessero davvero protetti, che vivessero come bambini, nella leggerezza dell’infanzia”. Quando per la prima volta nel 2007 abbiamo visitato la … Continua

30 novembre 2020

L'HIV non è Ancora Sconfitto

1,7 milioni di nuovi infetti, 690 mila morti e 38 milioni di persone che convivono con il virus. Non stiamo parlando di Covid-19 o di una nuova pandemia mondiale, ma … Continua

30 novembre 2020

Il 25 Novembre nello Slum

Il 2020 è stato un anno pieno di difficoltà, anche per la nostra associazione. Tuttavia, non solo non ci siamo fermati davanti ai mille ostacoli che abbiamo incontrato, ma abbiamo … Continua

× Come possiamo aiutarti?