News e Comunicazioni

Era appena il duemila, quando il mondo si proponeva obiettivi ambiziosi da veder realizzati entro il 2015. I Millennium Development Goals (MDG), obiettivi di sviluppo condivisi, sottoscritti da tutti i membri dell’ONU. Il tempo è passato, la data fatidica è in arrivo e bisogna ammettere questi obiettivi che si propongono di sradicare povertà e fame, ridurre mortalità infantile, promuovere la parità di genere, combattere AIDS e malaria, garantire la sostenibilità ambientale e sviluppare un partnerariato globale per lo sviluppo, non erano propositi di poco impegno.

Una lista di sogni che sembrava davvero a portata di mano. Con l’arrivo dell’11 settembre e della guerra al terrorismo, tali impegni di solidarietà tra le culture sono stati spazzati via lasciando sfiducia e odio. Eppure qualcosa è rimasto in piedi e si è raggiunto qualcosa di concreto. Ad esempio, nel 1990 circa il 50% della popolazione globale viveva con meno di $1,25 al giorno, nel  2010 invece, il tasso di povertà è sceso al 22%. Un cambiamento indicativo, ma non è ancora abbastanza. Lo stesso vale per gli altri goals: si sono fatti passi avanti, ma in 25 anni non sono stati sufficienti per raggiungere ogni obiettivi prefissato e ora bisogna farne altri.

A fine 2015, l’ONU avrà una sintesi delle idee in discussione ed entro il 2015 la campagna ripartirà. Perché l’idea di rendere il mondo più vivibile per tutti è un sogno a portata di buona volontà. Ma gli obiettivi devono essere condivisi a livelli più profondi e coinvolgere maggiormente la popolazione con azioni il più capillare possibili.

La Repubblica

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Era appena il duemila, quando il mondo si proponeva obiettivi ambiziosi da veder realizzati entro il 2015<\/b>. I Millennium Development Goals (MDG)<\/b>, obiettivi di sviluppo condivisi, sottoscritti da tutti i membri dell’ONU<\/b>. Il tempo \u00e8 passato, la data fatidica \u00e8 in arrivo e bisogna ammettere questi <\/span>obiettivi<\/a> che si propongono di sradicare povert\u00e0<\/b> e fame<\/b>, ridurre mortalit\u00e0 infantile<\/b>, promuovere la parit\u00e0 di genere<\/b>, combattere AIDS<\/b> e malaria, garantire la sostenibilit\u00e0 ambientale<\/b> e sviluppare un partnerariato globale<\/b> per lo sviluppo, non erano propositi di poco impegno.<\/span>
<\/p>

Una lista di sogni che sembrava davvero a portata di mano. Con l\u2019arrivo dell\u201911 settembre<\/b> e della guerra al terrorismo, tali impegni di solidariet\u00e0 tra le culture sono stati spazzati via lasciando sfiducia e odio. Eppure qualcosa \u00e8 rimasto in piedi e si \u00e8 raggiunto qualcosa di concreto. Ad esempio, nel 1990 circa il 50% della popolazione globale viveva con meno di $1,25 al giorno, nel  2010 invece, il tasso di povert\u00e0 \u00e8 sceso al 22%. Un cambiamento indicativo, ma non \u00e8 ancora abbastanza. Lo stesso vale per gli altri goals: si sono fatti passi avanti, ma in 25 anni non sono stati sufficienti per raggiungere ogni obiettivi prefissato e ora bisogna farne altri.<\/p>

A fine 2015, l’ONU avr\u00e0 una sintesi delle idee in discussione ed entro il 2015 la campagna ripartir\u00e0<\/b>. Perch\u00e9 l’idea di rendere il mondo pi\u00f9 vivibile per tutti \u00e8 un sogno a portata di buona volont\u00e0. Ma gli obiettivi devono essere condivisi a livelli pi\u00f9 profondi e coinvolgere maggiormente la popolazione con azioni il pi\u00f9 capillare possibili.<\/p>

La Repubblica<\/a>
<\/p>“,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

12 dicembre 2019

Il Giving Tuesday e il #RegaloPiùBello

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì … Continua

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua