News e Comunicazioni

Etiopia, a tre ore da Addis Abeba, una brillante ragazza quattordicenne sta tornando da scuola, quando uomini a cavallo piombano su di lei e la rapiscono. La coraggiosa Hirut afferra un fucile e cerca di scappare, ma finisce per sparare al suo aspirante marito nonché aguzzino. Nel suo villaggio la pratica del matrimonio con sequestro è comune ed è una delle tradizioni più antiche dell’Etiopia. Meaza Ashenafi, una giovane avvocatessa molto tenace, arriva dalla città per rappresentare Hirut sostenendo che lei ha agito per legittima difesa. Meaza entra coraggiosamente in rotta di collisione tra l’esecuzione dell’autorità civile e il rispetto della ‘telefa’, il rituale del rapimento e del matrimonio tramite violenza e il diritto consuetudinario, rischiando il suo lavoro di assistenza legale alle donne per salvare la vita di Hirut.

Uscito in Italia il 22 gennaio, “Difret” (parola aramaica che non solo significa “coraggio“, ma indica anche la vittima di una violenza) intende portare all’attenzione internazionale il cammino di cambiamento intrapreso dall’Etiopia al fine di sradicare una lunga tradizione di soprusi nei confronti delle donne. Sotto lo strato di costumi sociali educati, un patriarcato aggressivo e radicato perpetua condizioni inospitali per le donne in questo film avvincente e significativo, basato su una storia vera.

Ad ancorare lo spettatore alla visione sono il volto bello e silenzioso della protagonista e la forza del messaggio contenuto in quest’opera del regista etiope Zeresenay Berhane Mehari: il primo passo affinché i diritti del genere femminile vengano rispettati risiede nell’acquisizione da parte della donna della consapevolezza degli stessi.

CineBlog 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Etiopia<\/b>, a tre ore da Addis Abeba, una brillante ragazza quattordicenne sta tornando da scuola, quando uomini a cavallo piombano su di lei e la rapiscono. La coraggiosa Hirut<\/b> afferra un fucile e cerca di scappare, ma finisce per sparare al suo aspirante marito nonch\u00e9 aguzzino. Nel suo villaggio la pratica del matrimonio con sequestro \u00e8 comune ed \u00e8 una delle tradizioni pi\u00f9 antiche dell’Etiopia. Meaza Ashenafi, una giovane avvocatessa molto tenace, arriva dalla citt\u00e0 per rappresentare Hirut sostenendo che lei ha agito per legittima difesa. Meaza entra coraggiosamente in rotta di collisione tra l’esecuzione dell’autorit\u00e0 civile e il rispetto della \u2018telefa<\/i>\u2019, il rituale del rapimento e del matrimonio tramite violenza e il diritto consuetudinario, rischiando il suo lavoro di assistenza legale alle donne per salvare la vita di Hirut.<\/span>
<\/p>

Uscito in Italia il 22 gennaio, \”Difret<\/b>\” (parola aramaica che non solo significa \”coraggio<\/b>\”, ma indica anche la vittima di una violenza) intende portare all’attenzione internazionale il cammino di cambiamento intrapreso dall’Etiopia al fine di sradicare una lunga tradizione di soprusi<\/b> nei confronti delle donne<\/b>. Sotto lo strato di costumi sociali educati, un patriarcato aggressivo e radicato perpetua condizioni inospitali per le donne in questo film avvincente e significativo, basato su una storia vera.<\/p>

Ad ancorare lo spettatore alla visione sono il volto bello e silenzioso della protagonista e la forza del messaggio contenuto in quest\u2019opera del regista etiope Zeresenay Berhane Mehari<\/b>: il primo passo affinch\u00e9 i diritti del genere femminile vengano rispettati risiede nell’acquisizione da parte della donna della consapevolezza degli stessi.<\/p>

CineBlog<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

27 novembre 2020

Natale con Alice: la Video Intervista a Remo

“Il messaggio è uno solo: aiutate Alice for Children ad aiutare i bambini del Kenya” La nostra campagna di Natale non sarebbe stata possibile senza la preziosa collaborazione di due … Continua

26 novembre 2020

La Borraccia di Alice per il Diritto all'Acqua dei Bambini di Nairobi

26Apriamo un rubinetto nelle nostre case ed eccolo lì, fresco e pulito, il bene più prezioso che il nostro pianeta ci abbia mai regalato. Bene che utilizziamo per lavarci, innaffiare … Continua

25 novembre 2020

Lo Slum Contro la Violenza sulle Donne

Nel mondo, il 35% delle donne ha subito violenze fisiche e/o sessuali da parte di un partner o di un conoscente. Casi di depressione, aborti e HIV sono più frequenti … Continua

× Come possiamo aiutarti?