News e Comunicazioni

grande amico di Mandela, Il 6 febbraio, a Città del Capo, si è spento all’età di 79 anni, André Brink, il Sudafricano bianco che scrivendo “Un’Arida Stagione Bianca” si ribellò all’Apartheid pagando con la censura.

Nel movimento anti-apartheid negli anni Sessanta Brink aveva fondato assieme a Breyten Breytenbach “Sestigers“, un movimento culturale anti-apartheid. Aveva iniziato a scrivere in afrikaans, la lingua del governo e della popolazione che promuoveva l’apartheid, per poi passare all’inglese per protesta e per sfuggire alla censura.

Considerato l’equivalente sudafricano di Albert Camus, Brink aveva ricevuto diverse nomination per il Nobel per la letteratura e aveva vinto molti premi tra cui il Prix Medicis francese nel 1980 per ‘Un’Arida Stagione Bianca’, la storia di un professore universitario che negli anni Sessanta vuole indagare sulla morte di due neri e che viene emarginato da famiglia, amici e colleghi. Tra i suoi altri libri più noti troviamo: ‘La Polvere dei Sogni’ (1997), ‘La Valle del Diavolo’ (2000) e ‘Desiderio’ (2001).

Una carriera nella letteratura nato a Vrede, nello stato di Orange, nel 1935, da una famiglia di origine boera, Brink è stato anche professore emerito di letteratura afrikaans e tedesca all’università di Città del Capo. Ha tradotto in afrikaans Cervantes, Camus, Cechov, Ibsen, Rostand e altri autori.

Rai News

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

grande amico di Mandela<\/b>, Il 6 febbraio, a Citt\u00e0 del Capo, si \u00e8 spento all\u2019et\u00e0 di 79 anni, Andr\u00e9 Brink<\/b>, il Sudafricano bianco che scrivendo \”Un’Arida Stagione Bianca<\/i>\” si ribell\u00f2 all’Apartheid pagando con la censura.<\/p>

Nel movimento anti-apartheid negli anni Sessanta Brink aveva fondato assieme a Breyten Breytenbach \”Sestigers<\/i>\”, un movimento culturale anti-apartheid<\/i>. Aveva iniziato a scrivere in afrikaans, la lingua del governo e della popolazione che promuoveva l’apartheid, per poi passare all’inglese per protesta e per sfuggire alla censura.<\/p>

Considerato l’equivalente sudafricano di Albert Camus, Brink aveva ricevuto diverse nomination per il Nobel per la letteratura<\/b> e aveva vinto molti premi tra cui il Prix Medicis francese nel 1980 per ‘Un’Arida Stagione Bianca’, la storia di un professore universitario che negli anni Sessanta vuole indagare sulla morte di due neri e che viene emarginato da famiglia, amici e colleghi. Tra i suoi altri libri pi\u00f9 noti troviamo: ‘La Polvere dei Sogni’ (1997), ‘La Valle del Diavolo’ (2000) e ‘Desiderio’ (2001).<\/p>

Una carriera nella letteratura nato a Vrede, nello stato di Orange, nel 1935, da una famiglia di origine boera, Brink \u00e8 stato anche professore emerito di letteratura afrikaans e tedesca all’universit\u00e0 di Citt\u00e0 del Capo. Ha tradotto in afrikaans Cervantes, Camus, Cechov, Ibsen, Rostand e altri autori.<\/p>

Rai News<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua