News e Comunicazioni

Chi corre a un buon livello, di solito sceglie di mettersi alla prova nelle maratone di New York, Amsterdam, Berlino o del Sudafrica. Nell’immaginario generale, l’Africa orientale è una regione fantastica per il turismo e i safari, ma non per le maratone, eppure il numero di maratoneti e corridori è elevato, ma per loro correre rappresenta una via di fuga verso l’Europa e gli Stati Uniti.

Organizzare una maratona in Africa Orientale però, implica qualche problema in più rispetto ad altre regioni del mondo e impedisce ai corridori di arrivare in tempo: chi rema contro, cambi di opinione, scadenze ‘flessibili’, per non parlare degli stigma politici e medici.

Correre in Africa significa immergersi in uno scenario di bellezza paesaggistica senza paragoni e significa correre in casa dei migliori maratoneti al mondo. Da nessun’altra parte ci si ritroverebbe a correre con un allegro gruppo di locali che indossano jeans e sandali, in netto contrasto con la classica tuta in lycra.

Nonostante le difficoltà che si possono incontrare nell’organizzare questo genere di eventi, si può trovare qualche breve evento internazionale di corsa in Etiopia e Kenya. Ma soprattutto quest’anno, il 24 Maggio – se non ci saranno imprevisti all’ultimo minuto – sarà inaugurata la prima Maratona Internazionale in Uganda, a Kampala, patria di Stephen Kiprotich, medaglia d’oro olimpica a Londra 2012.

The Guardian

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Chi corre a un buon livello, di solito sceglie di mettersi alla prova nelle maratone di New York, Amsterdam, Berlino o del Sudafrica. Nell’immaginario generale, l\u2019Africa orientale<\/b> \u00e8 una regione fantastica per il turismo e i safari, ma non per le maratone, eppure il numero di maratoneti e corridori \u00e8 elevato, ma per loro correre rappresenta una via di fuga verso l\u2019Europa e gli Stati Uniti.<\/span>
<\/p>

Organizzare una maratona<\/b> in Africa Orientale per\u00f2, implica qualche problema in pi\u00f9 rispetto ad altre regioni del mondo e impedisce ai corridori di arrivare in tempo: chi rema contro, cambi di opinione, scadenze \u2018flessibili\u2019, per non parlare degli stigma politici e medici.<\/p>

Correre in Africa significa immergersi in uno scenario di bellezza paesaggistica senza paragoni e significa correre in casa dei migliori maratoneti al mondo<\/b>. Da nessun\u2019altra parte ci si ritroverebbe a correre con un allegro gruppo di locali che indossano jeans e sandali, in netto contrasto con la classica tuta in lycra.<\/p>

Nonostante le difficolt\u00e0 che si possono incontrare nell\u2019organizzare questo genere di eventi, si pu\u00f2 trovare qualche breve evento internazionale di corsa in Etiopia e Kenya<\/b>. Ma soprattutto quest\u2019anno, il 24 Maggio \u2013 se non ci saranno imprevisti all’ultimo minuto \u2013 sar\u00e0 inaugurata la prima Maratona Internazionale in Uganda<\/a>, a Kampala, patria di Stephen Kiprotich<\/b>, medaglia d\u2019oro olimpica a Londra 2012.<\/p>

The Guardian<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua

30 settembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Brian

Vi abbiamo già presentato la classe di quest’anno di Alice Italian Food Academy: sono 13 i ragazzi che hanno scelto di mettersi in gioco e apprendere di più sulla nostra … Continua

18 settembre 2019

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Nel 2019 il Volontariato è Social

“Negli occhi di questi bimbi, mentre gli corri dietro, o provi a farli ridere, all’improvviso, rischi di trovarci un pezzo di te che ti era sfuggito, forse uno dei pezzi … Continua