News e Comunicazioni

Kinshasa Symphony (2010), documentario tedesco diretto da Claus Wischmann e Martin Baer, racconta l’impatto che la musica classica può avere sulle persone in una città caotica come Kinshasa, Repubblica Democratica del Congo. In particolare, mostra come l’Orchestre Symphonique Kimbanguiste si prepari a suonare la Nona di Beethoven dal vivo. La particolarità di quest’ensamble è l’eterogeneità del gruppo: nessuno dei membri ha una formazione musicale professionale, tutti sono autodidatti e svolgono attività diverse (elettricisti, insegnanti, parrucchieri), ma sono accomunati dalla medesima passione per la musica sinfonica.

Insieme dal 1994, l’orchestra negli anni si è allargata e ora conta circa 160 membri, tra cui i coristi, ma continua a provare sinfonie di Handel, Verdi e Beethoven a casa del Direttore Armand Diangienda. Il documentario tratta anche le tragedie congolesi, ma con un tocco leggero; l’attenzione principale rimane sulle difficoltà tecniche che devono affrontare i musicisti, come ad esempio blackout elettrici, la sparizione di strumenti e le difficoltà quotidiane nel concludere le prove.

Secondo il direttore d’orchestra, suonare musica classica occidentale lungo le sponde del fiume Congo non significa voltare le spalle alla cultura locale, ma anzi significa arricchire il loro stile e la loro musica originale: il primo Violinista Heritier Malumbi, ha già composto diverse sinfonie caratterizzati da molti elementi musicali congolesi.

Il messaggio finale di questo documentario è sicuramente di perseveranza e speranza per un paese complesso come il Congo.

AljazeeraEconomist 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Kinshasa Symphony<\/b> (2010), documentario tedesco diretto da <\/span>Claus Wischmann<\/b> e <\/span>Martin Baer<\/b>, racconta l\u2019impatto che la musica classica pu\u00f2 avere sulle persone in una citt\u00e0 caotica come Kinshasa, Repubblica Democratica del Congo. In particolare, mostra come l\u2019<\/span>Orchestre Symphonique Kimbanguiste<\/b> si prepari a suonare la Nona di Beethoven dal vivo. La particolarit\u00e0 di quest\u2019ensamble \u00e8 l\u2019<\/span>eterogeneit\u00e0<\/span> del gruppo: nessuno dei membri ha una formazione musicale professionale, tutti sono autodidatti e svolgono attivit\u00e0 diverse (elettricisti, insegnanti, parrucchieri), ma sono <\/span>accomunati dalla medesima passione per la musica sinfonica.<\/span><\/span>
<\/p>

Insieme dal 1994<\/b>, l\u2019orchestra negli anni si \u00e8 allargata e ora conta circa 160 membri, tra cui i coristi, ma continua a provare sinfonie di Handel, Verdi e Beethoven a casa del Direttore Armand Diangienda<\/b>. Il documentario tratta anche le tragedie congolesi, ma con un tocco leggero; l\u2019attenzione principale rimane sulle difficolt\u00e0 tecniche che devono affrontare i musicisti, come ad esempio blackout elettrici, la sparizione di strumenti e le difficolt\u00e0 quotidiane nel concludere le prove.<\/p>

Secondo il direttore d\u2019orchestra, suonare musica classica occidentale lungo le sponde del fiume Congo non significa voltare le spalle alla cultura locale, ma anzi significa arricchire il loro stile e la loro musica originale: il primo Violinista Heritier Malumbi, ha gi\u00e0 composto diverse sinfonie caratterizzati da molti elementi musicali congolesi.<\/p>

Il messaggio finale di questo documentario \u00e8 sicuramente di perseveranza e speranza per un paese complesso come il Congo.<\/p>

Aljazeera<\/a>, Economist<\/a> <\/span><\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

15 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Ai Piedi della Discarica: il Racconto di Arianna

Dandora è uno dei più di 100 slum di Nairobi. Un agglomerato di baracche e strade strette, dove vivono e si muovono migliaia di persone. A soli 7 chilometri dal … Continua

10 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Alla Scoperta di Rombo con Alessandra

“Tanti di loro erano scalzi, la divisa era ormai logorata dal tempo, ma i loro sorrisi e gli occhi illuminati da una luce che solo la savana e le distese … Continua

3 gennaio 2021

Le Novità del 2021

Il 2020 ha stravolto le vite di tutti noi, in un modo o nell’altro. Alcuni dei piani che avevamo riguardo i nostri progetti in Kenya e in Italia sono rimasti … Continua

× Come possiamo aiutarti?