News e Comunicazioni

Anthony Otieno Ochieng, uno degli studenti di classe 8 ad Alice for School, ha condiviso con noi il suo pensiero sullo stato della salute in Kenya.

La ‘salute’ è una condizione del corpo o della mente di una persona. Quando stiamo male andiamo in ospedale per essere curati, e dato che la salute di ogni persona è importante, i dottori e le infermiere forniscono sempre le cure mediche più appropriate.

‘Cibi salutari’ sono pietanze naturali che le persone pensano sia particolarmente buone per la salute per prodotti o coltivati senza l’utilizzo di agenti chimici nocivi. Per questo motivo negli ospedali spesso si trova questo genere di prodotti alimentari.

Nel nostro paese ci sono molti ospedali e cliniche, dove dottori e infermiere si prendono cura dei malati, ma molte persone non possono permettersi di pagare le loro cure mediche perché sono troppo care. Per questo motivo il nostro Presidente (Uhuru Kenyatta –) ha fatto in modo che fossero aperte delle cliniche gratuite. Purtroppo però, le cose non stanno andando come previsto per gli scioperi dei medici che stanno causando notevoli disagi. Inoltre, nelle strutture pubbliche le medicine sono finite e non sono ancora state rifornite causando quindi ulteriori difficoltà.  In questa situazione le madri incinte sono coloro che soffrono di più; più i dottori scioperano più alto è il rischio di complicazioni e decessi.

Penso che ci sia solo una soluzione. Dato che nemmeno il Presidente può davvero aiutarci e, come dice Gesù, aiutati che Dio ti aiuta, dovremmo aiutarci l’un l’altro e mettere da parte le divisioni religiose e tribali, dovremmo preoccuparci per il benessere del nostro prossimo, di chi è a casa, di chi ha difficoltà fisiche e di chi soffre di HIV/AIDS. Insieme possiamo salvare delle vite.

https://www.aliceforchildren.it/wp-content/uploads/2015/03/anthony-otieno-ochieng-Copia.jpg, https://www.aliceforchildren.it/wp-content/uploads/2015/03/anthony-otieno-Copia.jpg

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:4,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Anthony Otieno Ochieng<\/b>, uno degli studenti di classe 8 ad Alice for School<\/a>, ha condiviso con noi il suo pensiero sullo stato della salute in Kenya<\/b>.<\/p>

La \u2018salute\u2019 \u00e8 una condizione del corpo o della mente di una persona. Quando stiamo male andiamo in ospedale per essere curati, e dato che la salute di ogni persona \u00e8 importante, i dottori e le infermiere forniscono sempre le cure mediche pi\u00f9 appropriate.<\/i><\/p>

\u2018Cibi salutari\u2019 sono pietanze naturali che le persone pensano sia particolarmente buone per la salute per prodotti o coltivati senza l\u2019utilizzo di agenti chimici nocivi. Per questo motivo negli ospedali spesso si trova questo genere di prodotti alimentari.<\/i><\/p>

Nel nostro paese ci sono molti ospedali e cliniche, dove dottori e infermiere si prendono cura dei malati, ma molte persone non possono permettersi di pagare le loro cure mediche perch\u00e9 sono troppo care. Per questo motivo il nostro Presidente (Uhuru Kenyatta \u2013) ha fatto in modo che fossero aperte delle cliniche gratuite. Purtroppo per\u00f2, le cose non stanno andando come previsto per gli scioperi dei medici che stanno causando notevoli disagi. Inoltre, nelle strutture pubbliche le medicine sono finite e non sono ancora state rifornite causando quindi ulteriori difficolt\u00e0.  In questa situazione le madri incinte sono coloro che soffrono di pi\u00f9; pi\u00f9 i dottori scioperano pi\u00f9 alto \u00e8 il rischio di complicazioni e decessi.<\/i><\/p>

Penso che ci sia solo una soluzione. Dato che nemmeno il Presidente pu\u00f2 davvero aiutarci e, come dice Ges\u00f9, aiutati che Dio ti aiuta, dovremmo aiutarci l\u2019un l\u2019altro e mettere da parte le divisioni religiose e tribali, dovremmo preoccuparci per il benessere del nostro prossimo, di chi \u00e8 a casa, di chi ha difficolt\u00e0 fisiche e di chi soffre di HIV\/AIDS. Insieme possiamo salvare delle vite.<\/span><\/i><\/p>\n”,”class”:””},{“id”:”3″,”block”:”gallery”,”itemWidth”:192,”itemHeight”:144,”items”:[{“source”:”~wp-uploads\/2015\/03\/anthony-otieno-ochieng-Copia.jpg”,”store”:{“source”:”~upload\/3-thumb-c068d6a83ed3da13b29c2374c90b6d15.jpg”,”width”:192,”height”:144,”mime”:”image\/jpeg”,”size”:29989},”large”:{“source”:”~upload\/3-large-c068d6a83ed3da13b29c2374c90b6d15.jpg”,”width”:600,”height”:450,”mime”:”image\/jpeg”,”size”:240525}},{“source”:”~wp-uploads\/2015\/03\/anthony-otieno-Copia.jpg”,”store”:{“source”:”~upload\/3-thumb-92b7a726f823641d3d7d03acad7b68f5.jpg”,”width”:192,”height”:144,”mime”:”image\/jpeg”,”size”:34572},”large”:{“source”:”~upload\/3-large-92b7a726f823641d3d7d03acad7b68f5.jpg”,”width”:450,”height”:600,”mime”:”image\/jpeg”,”size”:290970}}]}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?