News e Comunicazioni

Mancano 289 giorni alla deadline riguardante i Millennium Development Goals ed è chiaro da tempo, che entro la fine di quest’anno non tutti gli Stati del mondo riusciranno a raggiungere appieno ognuno degli 8 obiettivi fissati e per questo motivo si sta già lavorando ad un’agenda post-2015. Per quanto riguarda l’Obiettivo 7 – “Garantire la sostenibilità ambientale” – recenti ricerche coordinate dall’Overseas Development Institute e dal Climate and Development Knowledge Network su Zambia, Malawi, Rwanda, Ghana e Mozambico dichiarano che numerose comunità in tutto il mondo già percepiscono gli effetti del cambiamento climatico nella loro vita quotidiana, ma gli effetti si intensificheranno nel corso dei prossimi decenni e la regione dell’Africa subsahariana sarà la più colpita.

Il nocciolo del problema è che al momento i paesi africani stanno concentrando i loro investimenti a lungo termine sul loro sviluppo industriale, economico, delle infrastrutture e dei servizi alla comunità, senza però prestare attenzione alla pianificazione di investimenti di misure efficaci per prevenire e contrastare gli più diretti del cambiamento climatico, lasciando così le popolazioni estremamente vulnerabili alla siccità, alle inondazioni, ondate di caldo e aumento del livello del mare. I governi quindi, non prendono in considerazione o comunque mal interpretano i dati e le informazioni ufficiali prodotte a riguardo. Dal punto di vista dei governi locali, le informazioni ricevute, non sono sempre di uso pratico ed immediato, al tempo stesso i dati che richiedono spesso non sono tecnicamente possibili a causa di una mancanza di informazioni e capacità di prevedere il clima nel futuro.

Le Organizzazioni Internazionali dovrebbero attuare a loro volta dei cambiamenti, iniziando da una comprensione più approfondita dei contesti politici e sociali locali, comunicare le informazioni sul clima in maniera più efficace ai policy-makers e ministri locali. Dalla loro parte però, i governi locali dovrebbero abbandonare progetti e donazioni breve termine basati sull’agenda del donatore, per abbracciare partnership a lungo termine con partner sia internazionali che nazionali in un contesto di onestà e trasparenza delle comunicazioni.

The Guardian 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Mancano 289 giorni alla deadline riguardante i Millennium Development Goals<\/b> ed \u00e8 chiaro da tempo, che entro la fine di quest\u2019anno non tutti gli Stati del mondo riusciranno a raggiungere appieno ognuno degli 8 obiettivi fissati e per questo motivo si sta gi\u00e0 lavorando ad un\u2019agenda post-2015. Per quanto riguarda l\u2019Obiettivo 7 \u2013 \u201cGarantire la sostenibilit\u00e0 ambientale<\/i>\u201d \u2013 recenti ricerche coordinate dall’Overseas Development Institute e dal Climate and Development Knowledge Network su Zambia, Malawi, Rwanda, Ghana<\/b> e Mozambico dichiarano che numerose comunit\u00e0 in tutto il mondo gi\u00e0 percepiscono gli effetti del cambiamento climatico nella loro vita quotidiana, ma gli effetti si intensificheranno nel corso dei prossimi decenni e la regione dell\u2019Africa subsahariana<\/b> sar\u00e0 la pi\u00f9 colpita.<\/span>
<\/p>

Il nocciolo del problema \u00e8 che al momento i paesi africani stanno concentrando i loro investimenti<\/b> a lungo termine sul loro sviluppo industriale, economico, delle infrastrutture e dei servizi alla comunit\u00e0, senza per\u00f2 prestare attenzione alla pianificazione di investimenti di misure efficaci per prevenire e contrastare gli pi\u00f9 diretti del cambiamento climatico, lasciando cos\u00ec le popolazioni estremamente vulnerabili alla siccit\u00e0, alle inondazioni, ondate di caldo e aumento del livello del mare. I governi quindi, non prendono in considerazione o comunque mal interpretano i dati e le informazioni ufficiali prodotte a riguardo. Dal punto di vista dei <\/span>governi locali<\/span>, le informazioni ricevute, non sono sempre di uso pratico ed immediato, al tempo stesso i dati che richiedono spesso non sono tecnicamente possibili a causa di una mancanza di informazioni e capacit\u00e0 di prevedere il clima nel futuro.<\/span><\/p>

Le Organizzazioni Internazionali<\/b> dovrebbero attuare a loro volta dei cambiamenti, iniziando da una comprensione pi\u00f9 approfondita dei contesti politici e sociali locali, comunicare le informazioni sul clima in maniera pi\u00f9 efficace ai policy-makers e ministri locali. Dalla loro parte per\u00f2, i governi locali<\/b> dovrebbero abbandonare progetti e donazioni breve termine basati sull’agenda del donatore, per abbracciare partnership a lungo termine con partner sia internazionali che nazionali in un contesto di onest\u00e0 e trasparenza delle comunicazioni.<\/p>

The Guardian<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

12 dicembre 2019

Il Giving Tuesday e il #RegaloPiùBello

Se ci seguite sui social e se ricevete le nostre comunicazioni, vi sarete imbattuti ultimamente in alcune nostre iniziative di raccolta fondi legate al Giving Tuesday. Ma perché questo martedì … Continua

27 novembre 2019

AIFA

22 Novembre 2019: una Giornata Davvero Speciale!

Nella giornata di venerdì 22 novembre, gli studenti della nostra Alice Italian Food Academy hanno gareggiato per aggiudicarsi il Premio Ricette di Bontà 2019 del Cucchiaio d’Argento e hanno ricevuto … Continua

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua