News e Comunicazioni

Dopo l’inaugurazione ufficiosa in stile ‘notte bianca’ di ieri 26 marzo, oggi 27 marzo, apre ufficialmente il nuovo Museo delle Culture. Nato dal recupero dell’ex fabbrica Ansaldo, i 7mila metri quadrati del MUDEC diventeranno un polo multidisciplinare dedicato alle diverse culture del mondo.

Oltre alla mostra Mondi a Milano” su alcune importanti mostre del passato dedicate alle culture non europee nel corso organizzate in città, l’inaugurazione apre le porte alla mostra “Africa. La terra degli spiriti”. Un viaggio delle tradizioni formali e del valore estetico delle opere d’arte dell’Africa, erroneamente definite primitive. Le oltre 200 opere in mostra fino al 30 agosto vengono rilette sia alla luce della cultura occidentale che della vita quotidiana delle popolazione dell’Africa subsahariana spiegandone la simbologia e l’importanza. I cosiddetti selvaggi da sempre producono un’arte caratterizzata da tradizioni formali molto precise, non molto dissimili da quanto avviene negli atelier degli artisti occidentali. Gli artisti del continente africano hanno prodotto un’arte capace di parlare ai grandi maestri delle avanguardie del 900 e a cambiare con ciò la storia dell’arte occidentale e che l’arte africana era in realtà conosciuta e ricercata da secoli e faceva parte delle collezioni delle maggiori corti europee. Basti pensare all’influsso innovativo esercitato sulle creazioni di Picasso, Braque, Matisse, Derain, Modigliani, Brancusi.

La mostra propone un affascinante universo destinato a fornire l’immagine di queste culture, nella quale i manufatti di grande bellezza e significato artistico, sono destinati a regolare il complesso rapporto con le forze invisibili della natura e dell’universo; è un invito a guardare a quest’arte come ad una creazione autoctona, degna della più alta considerazione artistica e non come la creazione di popolazioni ignare ed infantili.

Comune di Milano, Arti delle Mani Nere

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:4,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

Dopo l\u2019inaugurazione ufficiosa in stile \u2018notte bianca\u2019 di ieri 26 marzo, oggi 27 marzo, apre ufficialmente il nuovo Museo delle Culture<\/b>. Nato dal recupero dell\u2019ex fabbrica Ansaldo, i 7mila metri quadrati del MUDEC<\/b> diventeranno un polo multidisciplinare dedicato alle diverse culture del mondo.<\/span>
<\/p>

Oltre alla mostra \u201c<\/span>Mondi a Milano<\/i>\u201d su <\/span>alcune importanti mostre del passato dedicate alle culture non europee nel corso organizzate in citt\u00e0<\/span>, l<\/span>\u2019inaugurazione apre le porte alla mostra<\/span> \u201c<\/span>Africa. La terra degli spiriti<\/i><\/b>\u201d. Un viaggio delle tradizioni formali e del valore estetico delle opere d\u2019arte dell\u2019Africa, erroneamente definite <\/span>primitive<\/i>. Le oltre 200 opere in mostra fino al 30 agosto vengono rilette sia alla luce della cultura occidentale che della vita quotidiana delle popolazione dell\u2019<\/span>Africa subsahariana<\/b> spiegandone la simbologia e l\u2019importanza. <\/span>I cosiddetti <\/span>selvaggi<\/i> da sempre producono un\u2019arte caratterizzata da tradizioni formali molto precise, non molto dissimili da quanto avviene negli atelier degli artisti occidentali. Gli artisti del continente africano hanno prodotto un’arte capace di parlare ai grandi maestri delle <\/span>avanguardie del 900<\/b> e a cambiare con ci\u00f2 la storia dell’arte occidentale e che l’arte africana era in realt\u00e0 conosciuta e ricercata da secoli e faceva parte delle collezioni delle maggiori corti europee. Basti pensare all’influsso innovativo esercitato sulle creazioni di <\/span>Picasso<\/b>, <\/span>Braque<\/b>, <\/span>Matisse<\/b>, <\/span>Derain<\/b>, <\/span>Modigliani<\/b>, <\/span>Brancusi<\/b>.<\/span><\/p>

La mostra propone un affascinante universo destinato a fornire l\u2019immagine di queste culture, nella quale i manufatti di grande bellezza e significato artistico, sono destinati a regolare il complesso rapporto con le forze invisibili<\/i> della natura<\/b> e dell\u2019universo<\/b>; \u00e8 un invito a guardare a quest\u2019arte come ad una creazione autoctona, degna della pi\u00f9 alta considerazione artistica e non come la creazione di popolazioni ignare ed infantili.<\/p>

Comune di Milano<\/a>, Arti delle Mani Nere<\/a>
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

24 settembre 2020

Diamo i Numeri... Grazie a Voi!

SEMBRAVA IMPOSSIBILE, MA GRAZIE A VOI CI STIAMO RIUSCENDO! Da qualche mese abbiamo lanciato il nuovo progetto per aiutare le famiglie che vivono negli slum, ridotte alla fame dalle conseguenze … Continua

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

× Come possiamo aiutarti?