News e Comunicazioni

La musica può ancora salvare il mondo”. Per Nneka, cantante 34enne nigeriana, questa frase non ha mai avuto il valore di uno slogan hippy abusato; l’artista è infatti da tempo in prima linea contro le ingiustizie commesse nella sua Nigeria. Il nuovo lavoro, My Fairy Tales, tra groove, afrobeat e ritmi reggae, è un viaggio di scoperta e di riflessione in cui si affrontano temi politici e sentimentali legati alla sua terra d’origine. Papà nigeriano, mamma tedesca, Nneka si trasferisce a 19 anni da Warri, nel sud della Nigeria, in quel di Amburgo per studiare Antropologia. Nel 2005 il suo esordio Victim of Truth è il primo di una serie di altri tre dischi che le faranno raggiungere notorietà e collaborazioni prestigiose con artisti come Massive Attack, Damian Marley e Lenny Kravitz.

L’artista nigeriana fa anche parte di numerose organizzazioni non governative: ambasciatrice dell’African Woman’s Development Fund (AWDF): “più che fare un arido discorso politico preferisco scrivere una canzone per influenzare la mente delle persone e supportare la causa delle donne africane”, e sostenitrice dell’Occupy Nigeria Movement: “Ci furono numerose proteste, soprattutto a Lagos, che costarono la vita a 16 persone uccise dalla polizia”. 

Corruzione, inquinamento ambientale sono le spine nel fianco della Nigeria ma Nkea non si ferma qui. In tempi non sospetti, l’artista ha sempre denunciato i soprusi e le atrocità dei fondamentalisti islamici: “Se i nostri politici, senza escludere l’attiva azione di noi cittadini, eliminassero i tribalismi e le tensioni religiose, riusciremmo a sconfiggere Boko Haram”. E afferma che più che un leader, la nazione deve trovare la capacità di agire in prima persona, senza delegare sempre il politico di turno.

la Repubblica 

[content-builder]{“id”:1,”version”:”1.0.4″,”nextId”:3,”block”:”root”,”layout”:”12″,”childs”:[{“id”:”2″,”block”:”rte”,”content”:”

\u201cLa musica pu\u00f2 ancora salvare il mondo<\/i>\u201d. Per Nneka<\/b>, cantante 34enne nigeriana, questa frase non ha mai avuto il valore di uno slogan hippy <\/span>abusato<\/span>; l\u2019artista \u00e8 infatti da tempo in prima linea contro le ingiustizie commesse nella sua Nigeria<\/b>. Il nuovo lavoro, My Fairy Tales<\/i>, tra groove, afrobeat e ritmi reggae, \u00e8 un viaggio di scoperta e di riflessione in cui si affrontano temi politici e sentimentali legati alla sua terra d\u2019origine. Pap\u00e0 nigeriano, mamma tedesca, Nneka si trasferisce a 19 anni da Warri, nel sud della Nigeria, in quel di Amburgo per studiare Antropologia. Nel 2005 il suo esordio Victim of Truth<\/i> \u00e8 il primo di una serie di altri tre dischi che le faranno raggiungere notoriet\u00e0 e collaborazioni prestigiose con artisti come Massive Attack<\/b>, Damian Marley<\/b> e Lenny Kravitz<\/b>.<\/span><\/p>

L\u2019artista nigeriana fa anche parte di numerose organizzazioni non governative: ambasciatrice dell\u2019African Woman\u2019s Development Fund<\/b> (AWDF): \u201cpi\u00f9 che fare un arido discorso politico preferisco scrivere una canzone per influenzare la mente delle persone e supportare la causa delle donne africane<\/i>\u201d, e sostenitrice dell\u2019Occupy Nigeria Movement<\/b>: \u201cCi furono numerose proteste, soprattutto a Lagos, che costarono la vita a 16 persone uccise dalla polizia<\/i>\u201d. <\/p>

Corruzione, inquinamento ambientale sono le spine nel fianco della Nigeria ma Nkea non si ferma qui. In tempi non sospetti, l\u2019artista ha sempre denunciato i soprusi e le atrocit\u00e0 dei fondamentalisti islamici: \u201cSe i nostri politici, senza escludere l\u2019attiva azione di noi cittadini, eliminassero i tribalismi e le tensioni religiose, riusciremmo a sconfiggere Boko Haram<\/b><\/i>\u201d. E afferma che pi\u00f9 che un leader, la nazione deve trovare la capacit\u00e0 di agire in prima persona, senza delegare sempre il politico di turno.<\/p>

la Repubblica<\/a> 
<\/p>\n”,”class”:””}]}[/content-builder]

Potrebbe anche interessarti

22 ottobre 2020

News dal Kenya

Scuole in Kenya: la Riapertura Anticipata e le Sfide da Affrontare

Con un preavviso di soli sette giorni e contro ogni previsione, lo scorso 5 ottobre il governo ha fissato la riapertura delle scuole per il lunedì successivo, 12 ottobre. In … Continua

18 ottobre 2020

Brosway per le donne e le bambine degli slum

Dall’inizio della pandemia, la nostra associazione ha attraversato momenti di grande difficoltà. Anche oggi, con le scuole chiuse a Nairobi e le famiglie delle baraccopoli ridotte alla fame, non sapremmo … Continua

15 ottobre 2020

Il Diritto al Cibo e il Rinnovato Impegno della Chiesa Valdese

Il cibo come bisogno primario. Come primo mattone per costruire una comunità. Come primo intervento alla base di cure mediche e assistenza al lavoro. Il 16 ottobre si celebra la … Continua

× Come possiamo aiutarti?