News e Comunicazioni

A Nairobi la strada è un mondo incredibile capace di ipnotizzare qualsiasi occhio non abituato ai suoi spettacoli. La densità di persone, veicoli e oggetti regna padrona, a qualsiasi ora e in qualsiasi angolo.

Le strade principali esplodono di colori e rumori, rendendo ogni tragitto una scoperta, e un vero e proprio esercizio di resistenza fisica e mentale. Le buche e i terreni dissestati sono una parte imprescindibile, quasi necessaria, della viabilità africana. Muovendosi per le periferie della città si possono vedere moltissime cose. Bambini che giocano con arnesi che la loro fantasia ha trasformato in irresistibili giocattoli. Piccole botteghe in legno e lamiera; carretti convertiti in negozi ambulanti. Le persone camminano sui cigli delle strade costantemente affollate. Vedendolo per la prima volta, cogliere il senso di questo pellegrinaggio quotidiano sembra impossibile o quantomeno richiede l’abbandono dell’idea di strada come puro e semplice collegamento tra luoghi diversi o persone. Qui la strada è un punto di riferimento, un luogo di aggregazione e di vita comunitaria. Molte persone aspettano, autobus o persone, altri camminano senza apparente destinazione mentre alcuni, impegnati, svolgono i più disparati lavori. Dal finestrino si può intravedere chi taglia la legna o affetta canne da zucchero, venditori di mobili esposti ai lati delle vie, arrotini, macellai. Le donne, in gruppo o affiancate da delegazioni di bambini, preparano chapati o vendono frutta e verdura. La cosa sorprendente è che tutto e tutti sembrano avere il proprio posto in quella vetrina metropolitana. Persino i veicoli, decorati da adesivi sgargianti ed equipaggiati con accessori sofisticati. Gli autobus, a suon di clacson e manovre aggressive, cercano di conquistarsi un guado nella giungla della strada. Carri trainati da asini, biciclette equipaggiate con incredibili portapacchi, motociclette. Il traffico è parte integrante di questo mondo, e non è solamente un traffico di cose, è anche un traffico di voci e musica.

Continua la lettura del Diario di Arianna: http://lapecoraalbina.com/caos-apparente/

Nel mese di luglio Arianna, 23 anni, studentessa, laureata in scienze politiche e laureanda in management organizzazioni internazionali, è stata nostra volontaria in Kenya. Nelle prossime pagine vi racconteremo il suo viaggio attraverso le pagine del suo blog La Pecora Albina.

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

4 novembre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Irene

Le scorse settimane vi abbiamo parlato di due nostri studenti di Alice Italian Food Academy, Brian e Rodgers. Oggi vi presentiamo una ragazza davvero in gamba, che sta stupendo tutti … Continua

28 ottobre 2019

AIFA

#StorieVere da AIFA: Rodgers

Continuiamo a raccontarvi le storie di alcuni dei nostri studenti di Alice Italian Food Academy. Dopo avervi parlato di Brian, cresciuto nel nostro orfanotrofio, oggi vi presentiamo un altro brillante … Continua

14 ottobre 2019

AIFA, Dicono di noi

La storia di Sharon per la Giornata delle bambine

In occasione della Giornata Internazionale delle Bambine, celebrata lo scorso 11 ottobre, la nostra sostenitrice e giornalista Chiara Cortese ha scritto un bellissimo articolo sul magazine Ohga  in cui parla … Continua