News e Comunicazioni

Dalla rubrica #storiedanairobi oggi l’intervista fatta da una nostra volontaria ad un ragazzino che lavora nella discarica di Dandora:

Come ti chiami? Mi chiamo Michael (nome inventato)

Ok. Quanti anni hai? 15 anni

E cosa fai? Cerco la plastica qui in Boma (Discarica)

Ok. Lavori in discarica? Si

Da quanto tempo lavori qui? Da due anni, ora

2 anni? si

Quante ore lavori al giorno? 12 ore

Al giorno? si

Ok e quanto guadagni? 50 bob, 300 shellini

Ok. Al giorno, Alla settimana o al mese? Al giorno

Hai parenti? No

Dove vivi? Vivo a Korogocho

Tu vivi a Korogocho? Si

E cammini fino a qui (Discarica dello slum di Dandora) ogni mattina (circa 5 Km)? Si

e poi torni a Korogocho? Ho mia mamma la a Korogocho, io vivo là.

Oh tu hai tua mamma? Si

Ok. Cosa fa lei? Lei è sempre scossa/tremante ma non ha nulla, lei sta sempre là e aspetta me. Quanto trovo la plastica, io sempre torno a casa con i soldi, così noi possiamo avere il nostro pasto.

Quanti pasti fai al giorno?

Ne abbiamo uno e se abbiamo le verdure, noi le cuciniamo e allora lo chiamiamo day-a-day.

Ok Così tu hai smesso di andare a scuola? Quando?

Ho smesso di andare a scuola quando ho finito la classe 8°, ho ripetuto l’anno in Babadogo, ma non avevo i soldi per pagare le tasse scolastiche, così mi hanno espulso da scuola. Allora ho deciso di venire qui e far soldi vendendo la plastica.

Ok Grazie.

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

15 settembre 2020

News dal Kenya

Le scuole chiuse cancellano i diritti dei bambini

Secondo un recente studio delle Nazioni Unite, nei prossimi dieci anni il numero delle spose bambine nel mondo crescerà di 13 milioni. Questa è solo una delle conseguenze della chiusura … Continua

10 settembre 2020

Il Tuo 5x1000 Può Fare la Differenza

Il 2020 è un anno particolare, anche per la donazione del 5×1000: a causa della pandemia e del lockdown, le scadenze per la presentazione del 730 o del Modello Redditi … Continua

9 settembre 2020

News dal Kenya

Supporto Sanitario a Nairobi: a Che Punto Siamo

Dallo scorso marzo ci siamo attivati per affrontare l’emergenza legata al COVID-19 anche da un punto di vista sanitario e medico. Nonostante i casi di Coronavirus e le morti causate … Continua

× Come possiamo aiutarti?