News e Comunicazioni

L’universal basic income (UBI), o reddito universale di base, è uno degli strumenti di intervento per lo sviluppo più discussi in questi anni. Give Directly, un’organizzazione che si occupa di progetti di cooperazione in Africa Orientale, ha deciso di sperimentare questo metodo per poi verificarne l’effettiva utilità ed efficienza.

Si ritiene che garantendo un reddito minimo ad un individuo senza che questo lavori, ciò potrebbe dargli le risorse necessarie ad iniziare un’attività o ad investire nella propria istruzione e nel proprio futuro. Tuttavia gli oppositori a questo modello sostengono, al contrario, che l’individuo non sfrutterebbe le risorse donatagli per investire ma li sprecherebbe in alcool, droghe e sarebbe incentivato a rimanere nella sua condizione di inattività. Si è inoltre incerti sull’effetto dell’UBI sulle conseguenze della povertà estrema come la violenza o i furti.

Give Directly trasferirà circa 22,50 dollari al mese a 40 villaggi dell’Africa Orientale (circa 6000 persone) per 12 anni; altri villaggi riceveranno somme diverse per periodi diversi. Questo servirà per verificare quanto l’UBI possa aiutare lo sviluppo di un villaggio, di un popolo o di un paese.

Il risultato di questo esperimento sarà valutabile solo nel lungo periodo ma potrebbe essere l’inizio di una strategia di sviluppo non solo del Kenya e dell’Africa orientale ma di tutto il continente.

 

Fonti:

 

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

27 novembre 2020

Natale con Alice: la Video Intervista a Remo

“Il messaggio è uno solo: aiutate Alice for Children ad aiutare i bambini del Kenya” La nostra campagna di Natale non sarebbe stata possibile senza la preziosa collaborazione di due … Continua

26 novembre 2020

La Borraccia di Alice per il Diritto all'Acqua dei Bambini di Nairobi

26Apriamo un rubinetto nelle nostre case ed eccolo lì, fresco e pulito, il bene più prezioso che il nostro pianeta ci abbia mai regalato. Bene che utilizziamo per lavarci, innaffiare … Continua

25 novembre 2020

Lo Slum Contro la Violenza sulle Donne

Nel mondo, il 35% delle donne ha subito violenze fisiche e/o sessuali da parte di un partner o di un conoscente. Casi di depressione, aborti e HIV sono più frequenti … Continua

× Come possiamo aiutarti?