News e Comunicazioni

La nostra associazione è fatta essenzialmente di persone. Oltre al nostro staff italiano e a quello keniano, sono tante le famiglie e i singoli che, in qualche modo, sostengono i progetti Alice for Children e che contribuiscono ad aiutare i nostri beneficiari in Kenya. Genitori a distanza, volontari internazionali, donatori occasionali o affezionati e persone che, con entusiasmo ed energia, organizzano raccolte fondi per sostenere un progetto già esistente o per contribuire alla creazione di nuove strutture o di nuovi programmi di sviluppo.

L’iniziativa che andiamo a raccontarvi è stata una raccolta fondi originale e innovativa, che si differenzia da qualsiasi altra proposta in questi 10 anni di attività dell’associazione.

Come racconta Claudia Bombini – promotrice dell’iniziativa – sulla pagina Facebook “Adotta uno Slum! Box Competition 2018” il progetto di raccolta fondi nasce una sera di gennaio all’interno di un Box (palestra di CrossFit, per chi non fosse avvezzo al linguaggio specifico di questo programma di training) nella zona dei Navigli di Milano; un gruppo di atleti, dopo un duro allenamento, chiacchierando si rendono conto di avere altro in comune, oltre alla passione per il CrossFit: la voglia di fare del bene per qualcun altro.

Ed è così che nasce l’idea di organizzare una gara con l’obiettivo, non solo di raccogliere fondi per la nostra onlus, ma anche e soprattutto… di adottare uno slum di Nairobi! O meglio, 5 bambini che vivono nelle baraccopoli di Korogocho e Dandora, già beneficiari dei nostri progetti di scolarizzazione in loco.

5 Box partecipanti, più di 90 atleti, che si sono sfidati a colpi di squat e burpees, e che sono stati premiati durante Alice for Summer 2018, la festa dell’estate che si è tenuta al Bobino Club di Milano lo scorso 28 giugno.

IMG_2045
La serata di premiazione al Bobino Club di Milano.

La rete di persone e sponsor è stata fondamentale per raggiungere l’obiettivo finale; ecco le realtà che si sono unite alla nostra associazione: Alice for Children ha avuto il supporto straordinario di Marianna Benatti – Food&Well-being Coach – fondatrice di Wellf.it, realtà che si occupa di promuovere e accrescere la cultura del well-being sul posto di lavoro. CrossFit Bullams ha dato piena disponibilità nell’organizzare il circuito di gara, avvicinandosi così al mondo del no-profit. Grazie alla generosità di Hatlex, colosso mondiale nella progettazione e design di equipment per il CrossFit, è stato possibile consegnare prestigiosi premi ai primi 3 Box classificati; grazie alla costante attenzione dello staff di JudgeRules, infine, gli atleti hanno potuto partecipare concretamente alla gara di solidarietà, iscrivendosi e registrando online i propri punteggi.

Ben 2.415 euro sono stati raccolti grazie alla generosità, l’impegno e l’entusiasmo degli atleti dei box CrossFit Moscova, CrossFit Segrate, CrossFit Missori, CrossFit Mediolanvm e CrossFit Bullams.

Ma non è finita qui: oltre al denaro raccolto e al sostegno ai 5 bambini delle baraccopoli, Adotta uno Slum ha anche il merito di aver portato il CrossFit all’interno di Alice Village: grazie all’impegno di Enrico e Claudia (i volontari presenti in loco nei mesi di aprile e maggio), i bambini della nostra Children’s Home hanno avuto la possibilità di cimentarsi in esercizi aerobici e di sollevamento pesi; la fantasia sia dello staff che dei bambini è stata, in questo caso, fondamentale per svolgere gli esercizi: un giardino fiorito come Box, il ramo di un albero come sbarra, e un gradino un po’ dissestato come pedana.

DSC00826

La verità è che, al di là dell’enorme sostegno economico, queste iniziative mettono in moto un vero e proprio circolo virtuoso, che crea solidarietà e unione tra gli elementi che lo compongono.

Gli atleti di CrossFit continueranno ad allenarsi (come i nostri bambini al Villaggio) e a partecipare a gare e competizioni; ma, forse, ricorderanno sempre Adotta uno Slum e Alice for Children come quella volta che, oltre al fisico, hanno allenato anche il cuore.

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

2 luglio 2020

Volontariato a Distanza

Fin dall’inizio della nostra esperienza di cooperazione e sviluppo in Kenya, abbiamo promosso un programma di volontariato internazionale per tutti coloro che vogliono dare una mano e fare un’esperienza davvero … Continua

25 giugno 2020

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Gianluca e la sua esperienza come volontario

Ci sarebbe piaciuto rivederlo di persona, ma è stato comunque piacevole parlare via Skype con Gianluca, un ragazzo toscano di 40 anni partito con noi la scorsa estate per Nairobi. … Continua

16 giugno 2020

16 giugno 1976: gli Scontri di Soweto

Nel 1975, il Sud Africa stava vivendo gli anni della segregazione razziale, meglio nota come Apartheid. Nelson Mandela era in carcere da quasi dieci anni e da tempo ogni tentativo … Continua

× Come possiamo aiutarti?