News e Comunicazioni

Il 30 luglio è il giorno in cui apriremo ufficialmente la nostra Alice Italian Food. Nei prossimi giorni lo staff italiano partirà per Nairobi, dove ad attenderli troveranno quindici ragazzi entusiasti di mettersi in gioco e di imparare tutti i segreti della cucina italiana. Tra questi, Mercelyne: una ragazza dal passato difficile ma con una determinazione tale che la porterà lontano verso il successo nella vita.

Come già vi abbiamo raccontato nel corso di queste settimane, stanno per partire professionisti ed esperti da Milano per andare ad Alice Village ad insegnare i trucchi del mestiere ai nostri bambini e ragazzi. Sono professionisti dell’Istituto Carlo Porta di Milano, la scuola che ha sposato il nostro progetto scegliendo di esserne parte da protagonista. Un professore, Luca Cribiù, un ex studente giovane chef desideroso di nuove avventure, Frederik, e due giovani studentesse che andranno a Nairobi in alternanza scuola lavoro, Alessia ed Eleonora. Un team perfetto coadiuvato da uno staff locale formato appositamente per gestire la nuova Italian Food Academy. Una scuola per i nostri piccoli grandi chef.

Piccoli grandi chef, molti dei quali hanno alle spalle un passato difficile: una infanzia complessa segnata dalla mancanza di uno o entrambe i genitori; segnata spesso dalla malattia e dall’abbandono. Molti di loro sono cresciuti lavorando nella discarica, per pochi soldi al giorno. Nemmeno il necessario per sopravvivere e nutrirsi. La nostra Italian food Academy si inserisce in questo contesto per cercare di dare loro un futuro.

Passato difficile

Hamisi, Sharon ed Everline ve li abbiamo già presentati. Oggi parliamo di Mercelyne Awour, una bambina che ha vissuto momenti davvero difficili ma che ha una grande determinazione nella vita e da grande vuole fare la chef. Mercelyne arriva dalla nostra Alice Home. Oggi, dopo i primi due anni di Food and Beverage e gli esami passati egregiamente, è in impaziente attesa di intraprendere il nuovo percorso scolastico di specializzazione in cucina italiana. Mercelyne non ha mai conosciuto il padre ma è molto legata alla madre. Quest’ultima non gode di una ottima salute e spesso non riesce a lavorare, fa la parrucchiera; quindi per lei è difficile guadagnare a sufficienza per mantenere i due figli. Mercelyne ha, infatti, anche un fratellino, Charles, sostenuto altresì dai nostri programmi presso Alice Village. In questo modo cerchiamo di alleviare il peso della madre malata nel mantenere due figli da sola. Mercelyne è molto brava a scuola e si impegna parecchio. E’ portata per gli aspetti commerciali e un po’ meno per il servizio di sala, ma il suo sogno nella vita è diventare chef. Nella pausa scolastica, infatti, quando è tornata a casa dalla mamma ha fatto molta pratica ai fornelli, preparando piatti e ricette per deliziare i palati di casa.

Molti dei ragazzi che frequenteranno AIFA provengono da un’infanzia difficile; proprio per questo motivo vogliamo garantire loro la possibilità di riscattarsi dando loro degli strumenti fondamentali. Uno su tutti, la cultura.

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2020

Sostegno a Distanza: la storia di Bashir

Quest’anno abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la nostra associazione. 156 nuovi bambini sono entrati nel programma di sostegno a distanza!   Questo significa che: potranno allontanarsi dal lavoro in … Continua

23 dicembre 2019

News dal Kenya

Il Viaggio di Novembre

Lo scorso novembre è stato un mese pieno di grandi avvenimenti per la nostra associazione. Molti di questi si sono svolti durante il viaggio degli ospiti, genitori a distanza e … Continua

19 dicembre 2019

L'Anemia Falciforme e i Nostri Piccoli Eroi

Si sente parlare spesso di malattie legate al continente africano, come HIV, malaria e tubercolosi. Ma esiste un’altra malattia di cui nessuno parla e che causa problemi gravi a moltissimi … Continua