News e Comunicazioni

Dopo avervi raccontato della Giornata Mondiale dei Popoli Indigeni, oggi vi parliamo di un’altra Giornata importante e che sentiamo molto vicina al nostro lavoro: la Giornata Mondiale dell’Aiuto Umanitario (World Humanitarian Day).

Si celebra ogni anno il 19 agosto ed è stata istituita dall’ONU nel 2009 in ricordo del bombardamento della sede delle Nazioni Unite a Baghdad avvenuto nel 2003 e in cui morirono 22 persone. La giornata è quindi un modo per ricordare e celebrare coloro che ogni giorno aiutano milioni persone in tutto il mondo, rischiando, a volte, la loro vita, per assecondare un grande spirito di solidarietà.

Quest’anno la Giornata dell’Aiuto Umanitario è dedicata alle donne che s’impegnano ad aiutare gli altri. Le Nazioni Unite vogliono, in questo modo, onorare tutte quelle eroine che non sono mai state celebrate, ma che hanno lavorato e stanno ancora lavorando in prima linea, fuori o all’interno della propria comunità, in alcuni dei territori più rischiosi del pianeta, dalle terre devastate dalla guerra in Afghanistan ai paesi colpiti da siccità e carestie dell’Africa sub-sahariana. Secondo le stime dell’ONU, le donne costituiscono una grande parte delle persone che rischiano ogni giorno la vita per salvarne altre e, spesso, sono le prime a intervenire e le ultime ad andarsene.

Vogliamo celebrare anche noi questa giornata così importante salutando i volontari che oggi atterrano a Nairobi per prendere parte ai nostri campi di volontariato nelle baraccopoli e nel nostro orfanotrofio: Jacopo, Laura, Matteo e Sophie daranno una mano al nostro staff nelle scuole e ad Alice Village.

Due delle nostre volontarie con i bambini di Alice Village.

Arianna, Fernando, Giulia, Linda e Sara, invece, fanno rientro in Italia, dopo un’esperienza che sappiamo essere stata significativa e costruttiva: sono tanti, infatti, i ragazzi, le ragazze, le donne e gli uomini che ogni anno decidono di dedicare parte del loro tempo (a volte anche interi mesi) ad aiutare i nostri bambini keniani e le comunità di Nairobi e di Rombo. E sappiamo, per esperienza, che si tratta di un’avventura che arricchisce nel profondo sia i bambini beneficiari dei nostri progetti sia i volontari stessi.

Quindi, GRAZIE DI CUORE a tutti coloro che ogni giorno scelgono di dedicarsi agli altri, in modo spontaneo, disinteressato e costruttivo!

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

20 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Un viaggio nella baraccopoli di Korogocho

La baraccopoli di Korogocho è una tra le più grandi e popolose di Nairobi. È qui che siamo approdati più di dieci anni fa nel nostro primo viaggio alla scoperta … Continua

15 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Ai Piedi della Discarica: il Racconto di Arianna

Dandora è uno dei più di 100 slum di Nairobi. Un agglomerato di baracche e strade strette, dove vivono e si muovono migliaia di persone. A soli 7 chilometri dal … Continua

10 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Alla Scoperta di Rombo con Alessandra

“Tanti di loro erano scalzi, la divisa era ormai logorata dal tempo, ma i loro sorrisi e gli occhi illuminati da una luce che solo la savana e le distese … Continua

× Come possiamo aiutarti?