News e Comunicazioni

Fin dall’inizio della pandemia, abbiamo collaborato con la nostra associazione partner Light of Maasai per consegnare cibo, medicine e assorbenti igienici alla comunità masai del villaggio di Rombo, che supportiamo da quasi dieci anni.

 

Cosa succede a Rombo

Elaine, fondatrice e presidente dell’associazione, ci ha raccontato come e quanto sia difficile giudicare la diffusione del virus tra la comunità, per mancanza di dati certi e per la riservatezza che caratterizza il popolo masai.

Quello che è certo è che anche per la comunità di Rombo i provvedimenti del governo stanno creando molti più danni della pandemia stessa.

 

La chiusura della Nasipa Primary School

La piccola scuola primaria di questa comunità, la Nasipa School, ha chiuso insieme a tutte le altre scuole del paese e riaprirà solo il prossimo gennaio.

Per i bambini e i ragazzi masai, andare a scuola significa avere prospettive più ampie per il proprio futuro e mangiare almeno una volta al giorno. Non frequentare la scuola è molto pericoloso soprattutto per le bambine e ragazzine, che per tradizione e per questioni economiche, vengono obbligate a sposarsi e ad avere figli ancora molto giovani.

 

I pericoli per i bambini…

Con le scuole chiuse fino al prossimo gennaio, la gestione e il monitoraggio della salute e delle condizioni di vita dei bambini diventa davvero difficile per lo staff dell’associazione. “Quando distribuiamo il cibo alle famiglie, ci prendiamo del tempo anche per analizzare le loro situazioni”, ci ha raccontato Elaine. “Siamo riusciti a sapere che il 90% delle famiglie hanno mandato le figlie più grandi a fare “kibarua”, ossia lavori a cottimo in fattorie e allevamenti locali”. In questo modo, le ragazze contribuiscono a sfamare le loro famiglie, così come i ragazzi, che vengono mandati fuori casa tutto il giorno per occuparsi del bestiame.

 

…e soprattutto, per la bambine

Secondo Elaine, “il fatto che i ragazzi abbiano la possibilità di dare una mano alle loro famiglie è positivo in questo momento di assoluta emergenza, ma i rischi per le bambine e le ragazze sono molti”.

Durante le giornate di lavoro fuori di casa, le ragazze sono maggiormente esposte ad abusi da parte di ragazzi e uomini e a pressioni per contrarre matrimoni precoci e per avere figli anche se giovanissime. “Ne abbiamo parlato con i genitori, che però non sono disposti a tenere le ragazze a casa. La priorità in questo momento è scongiurare la fame”.

L’impossibilità di spostarsi al di fuori dei confini keniani, la chiusura delle scuole, la mancanza di turisti e volontari che portino lavoro e aiuti, sommati alle frequenti carestie e alluvioni che colpiscono ormai regolarmente il Kenya, stanno mettendo in ginocchio anche il popolo masai.

 

(lo staff di Light of Maasai consegna il cibo alle famiglie di Rombo)

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

24 gennaio 2021

24 Gennaio: Giornata Internazionale dell'Educazione

L’Art. 28 della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza protegge il diritto all’istruzione per tutti i bambini del mondo.   Rende obbligatoria l’istruzione primaria. Obbligo non solo per gli alunni … Continua

20 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Un viaggio nella baraccopoli di Korogocho

La baraccopoli di Korogocho è una tra le più grandi e popolose di Nairobi. È qui che siamo approdati più di dieci anni fa nel nostro primo viaggio alla scoperta … Continua

15 gennaio 2021

Diari dei volontari, Diari di viaggio

Ai Piedi della Discarica: il Racconto di Arianna

Dandora è uno dei più di 100 slum di Nairobi. Un agglomerato di baracche e strade strette, dove vivono e si muovono migliaia di persone. A soli 7 chilometri dal … Continua

× Come possiamo aiutarti?