News e Comunicazioni

Nel corso di questi tredici anni all’interno delle baraccopoli di Nairobi, il nostro lavoro si è perfezionato ed è cambiato con il crescere della nostra conoscenza ed esperienza dei problemi che affliggono le famiglie della comunità degli slum. Tuttavia, il nostro scopo primario e quello da qui è nato tutto il nostro progetto sul campo è sempre stato quello di togliere i bambini dallo sfruttamento all’interno della discarica di Dandora, per portarli a scuola e dare loro un futuro degno di questo nome.

 

IL LAVORO MINORILE: PICCOLI PASSI AVANTI

Sia nel nostro piccolo che in tutto il mondo, si sono fatti passi avanti importanti nella battaglia contro il lavoro minorile. Secondo le Nazioni Unite, infatti, negli ultimi vent’anni il numero di minorenni impiegati illegalmente in lavori informali nel mondo è diminuito di 94 milioni di unità. Purtroppo, a causa della pandemia e delle sue conseguenze questa tendenza positiva si sta invertendo in modo preoccupante.

Unicef e l’International Labour Organization hanno pubblicato un report in cui analizzano questo fenomeno, che è tornato a far paura soprattutto nelle zone più vulnerabili del pianeta.

 

LO SFRUTTAMENTO AUMENTA CON LA POVERTÀ…

Le Nazioni Unite e altre istituzioni internazionali stimano che a causa della pandemia entro la fine del 2020 potrebbero esserci nel mondo da 40 a 60 milioni di nuovi poveri.

Mentre in alcune parti del mondo le opportunità lavorative in calo e i guadagni dimezzati stanno spingendo moltissime persone verso il cosiddetto lavoro informale (che dà meno garanzie ma che assicura entrate immediate), in luoghi infernali come le baraccopoli di Nairobi, neanche il lavoro in nero, sospeso durante il lockdown, ha potuto impedire l’emergenza alimentare in atto, che ha portato inevitabilmente all’aumento dello sfruttamento lavorativo dei bambini.

Come vi abbiamo raccontato, molte famiglie degli slum hanno mandato i propri figli da parenti in altre città o villaggi keniani, dove la vita costa meno e dove i bambini hanno cercato di contribuire al fabbisogno famigliare lavorando come pastori, minatori o domestici. Moltissimi ragazzi e bambini rimasti negli slum hanno lavorato come tassisti, venditori ambulanti o sono purtroppo stati costretti a prostituirsi.

 

…E CON LA CHIUSURA DELLE SCUOLE

La chiusura delle scuole nel mondo ha coinvolto il 90% degli studenti, circa 1,6 milioni tra bambini e ragazzi. Sebbene molte scuole abbiano optato per la didattica a distanza (come hanno fatto anche molti istituti scolastici keniani) questa soluzione non ha giovato a quasi la metà della popolazione mondiale che non ha alcun accesso a internet. Moltissimi studenti nel mondo sono rimasti isolati, senza la possibilità di studiare e imparare. I più grandi hanno scelto quindi da soli di trovare un impiego per poter aiutare la famiglia, mentre i più piccoli sono stati costretti a farlo.

 

CONTINUIAMO A LOTTARE

La nostra battaglia per difendere i diritti dei bambini degli slum non si è mai fermata, anche se non è mai stata così dura. Solo grazie all’aiuto dei nostri sostenitori abbiamo potuto affrontare l’emergenza di questi ultimi mesi e continuare a tenere i bambini lontani dall’inferno del lavoro in discarica.

Con il sostegno di tutti, contiamo di continuare a farlo.

Condividi su

Potrebbe anche interessarti

2 dicembre 2020

Caterina e il Diritto allo Studio dei Nostri Bambini

“Il mio è un desiderio: sarebbe bellissimo che questi bimbi vivessero davvero protetti, che vivessero come bambini, nella leggerezza dell’infanzia”. Quando per la prima volta nel 2007 abbiamo visitato la … Continua

30 novembre 2020

L'HIV non è Ancora Sconfitto

1,7 milioni di nuovi infetti, 690 mila morti e 38 milioni di persone che convivono con il virus. Non stiamo parlando di Covid-19 o di una nuova pandemia mondiale, ma … Continua

30 novembre 2020

Il 25 Novembre nello Slum

Il 2020 è stato un anno pieno di difficoltà, anche per la nostra associazione. Tuttavia, non solo non ci siamo fermati davanti ai mille ostacoli che abbiamo incontrato, ma abbiamo … Continua

× Come possiamo aiutarti?