News e Comunicazioni

Combattiamo insieme la Period Poverty.

 

La parità di genere è uno degli obiettivi fondamentali indicati dalle Nazioni Unite da raggiungere entro il 2030 (Sustainable Development Goals).

Tuttavia, in molti paesi la parità di genere resta un miraggio difficile anche solo da immaginare, ed il 2030 è sempre più vicino.

Nei Sustainable Development Goals le Nazioni Unite avevano rimarcato come fosse importante smettere di considerare il ciclo fisiologico femminile un tabù e favorire l’accesso a prodotti sanitari di qualità e a basso costo, nell’ottica di rafforzare l’integrazione femminile.

Senza i prodotti sanitari necessari, il ciclo femminile diventa uno dei principali fattori di discriminazione di genere, ma anche di analfabetismo o bassa scolarizzazione femminile, di abusi e violenze subite da donne e bambine.

Nel mondo occidentale e, in particolare, nel nostro paese, si discute se tali prodotti, assorbenti igienici, coppette vaginali ecc., debbano o meno essere tassati. O addirittura si propone la loro gratuità. Il Period Poverty Italia si muove però su file diverse rispetto alle realtà giù svantaggiate.

La situazione in Africa: la Period Poverty

Purtroppo, per milioni di donne nel mondo, e soprattutto nei paesi africani più poveri, il problema non è soltanto il costo o la tassazione di questi prodotti, ma la loro stessa disponibilità.

Per milioni di donne e ragazze questi prodotti costano davvero troppo, e non possono quindi utilizzarli.

È il cosiddetto Period Poverty, che indica appunto l’impossibilità delle donne di potersi garantire un’igiene adeguata durante il periodo mestruale, soprattutto per questioni economiche. Questo non comprende soltanto la mancanza di dispositivi sanitari, ma anche l’assenza di luoghi puliti e sicuri (ovvero bagni attrezzati e puliti).

Questa è esattamente la realtà che migliaia e migliaia di bambine e donne delle baraccopoli di Nairobi vivono ogni giorno. Tra il 50 ed il 65% dell’intera popolazione femminile in Kenya.

Non solo non possono permettersi assorbenti o coppette vaginali, ma non hanno accesso a bagni veri e propri, ma solo a latrine di fortuna usate da centinaia di persone.

Non basta: per questioni culturali il ciclo mestruale viene molto stigmatizzato. Le donne che hanno il ciclo devono rimanere a casa, o meglio, nella baracca in cui vivono, e quindi non possono frequentare la scuola o lavorare.

In un contesto in cui il ciclo mestruale comporta ancora forti discriminazioni da parte della comunità, la mancanza di prodotti sanitari per viverlo al meglio diventa ancora più grave, ancora più discriminatoria.

A questo si aggiunge la scarsa, se non assente, educazioni biologica e sessuale delle giovani donne dello slum.

Cosa dobbiamo fare?

Per salvare migliaia di donne dal Period Poverty occorre fare uno sforzo collettivo e dotarle di tutto l’occorrente per vivere al meglio questo processo fisiologico. Per questo, una delle principali attività che porteremo avanti nei prossimi mesi sarà la distribuzione di assorbenti gratuiti alle ragazze ed alle donne dello slum, insieme, ovviamente all’educazione sessuale che portiamo avanti nelle nostre scuole di Nairobi.

I nostri sostenitori si battono per l’uguaglianza di genere. Nelle baraccopoli africane la si può ottenere anche grazie ad un oggetto semplice, per noi scontato, come un assorbente igienico.

Combattiamo insieme la piaga del Period Poverty!

Potrebbe anche interessarti

7 aprile 2021

Diritti

Giornata mondiale della salute: cosa sta succedendo in Africa

Il 7 aprile è la giornata mondiale della salute. Lo slogan del 2021 dell’OMS è chiaro:  It’s time to build a fairer healthier world for everyone everywhere È tempo di … Continua

7 aprile 2021

Diritti

Diritto all'acqua: la situazione in Kenya

Apriamo un rubinetto nelle nostre case ed eccolo lì, fresco e pulito, il bene più prezioso che il nostro pianeta ci abbia mai regalato. Bene che utilizziamo per lavarci, innaffiare … Continua

7 aprile 2021

Slum Rights

La condizione delle donne in Africa: le baraccopoli

La condizione delle donne in Africa non ha molti segreti: la maggior parte delle donne senza diritti civili e umani vivono oltre l'Equatore. In tutto il mondo a causa della … Continua